Tv, il business delle “curve” è già finito?

Momento di bilanci e di previsioni per il futuro del business delle tv. Stime che – a sorpresa – sembrano bocciare duramente una delle tendenze che poteva ridare nuova linfa al comparto: le tv con schermo curvo.

Il business delle tv con schermo curvo potrebbe essere agli sgoccioli
Il business delle tv con schermo curvo potrebbe essere agli sgoccioli

Secondo quanto sta emergendo al Global Press Conference di IFA 2014, in svolgimento in Turchia, l’entusiasmo intorno a tale trend sembra già essersi in buona parte sgonfiato. A sentenziare una sonora bocciatura è il numero 1 di Vestel, Turan Erdogan, che sotto diversi brand può coprire un quinto del mercato europeo delle tv LCD, posizionandosi pertanto solamente dietro a Samsung. Secondo Vestel, le tv con schermo curvo “saranno un flop. Ci abbiamo messo 30 anni a rendere piatti gli schermi e ora li vogliono curvare di nuovo”.

Scopri le offerte tv»

Al di là di tale considerazione, la generalità del mercato dovrebbe proseguire la sua strada di crescita a gonfie vele, rinvigoritita dalle ultime innovazioni e da una maggiore sinergia con altri dispositivi. Secondo quanto affermato da Paul Gray, boss di DisplaySearch, le tv non cederanno quindi le proprie quote di utilizzo in favore di altri dispositivi, considerato che la loro fruizione non si sovrappone a tablet o smartphone. “Se hai 10 secondi a disposizione e magari sei in movimento, può esserti comodo consultare il display di uno smartwatch, se hai 20 minuti e vuoi rilassarti per guardare video musicali, lo schermo ideale è quello di un tablet, ma se hai almeno 40 minuti e vuoi vedere un film non c’è niente di meglio di una tv” – ha affermato DisplaySearch.

Commenti Facebook: