Tv a basso consumo? Ci pensa il Wwf

Il Wwf ha stilato una guida per la scelta del televisore più efficiente. Questo curioso strumento aiuterà i cittadini a scegliere il televisore che può fare al caso loro in termini di consumo, una guida che di sicuro servirà a qualcosa se pensiamo che circa 50 euro all’anno vengono versati da ogni famiglia sotto forma di bolletta, a causa di un uso troppe volte inadeguato del televisore.

Ecco la guida che ti aiuta a scegliere il televisore giusto!

In Italia peraltro informazione e intrattenimento via Tv raggiungono il 97,4% della popolazione (rapporto Censis sulla situazione sociale dell’Italia) dove solo il 3,1% degli italiani non possiede un televisore secondo l’Eurispes, mentre il 43,9% degli italiani ne possiede addirittura due o anche tre (22,8%). Un’Italia ancora attaccata al telecomando non può dunque fare a meno di una guida in grado di stabilire quale televisore possa essere l’apparecchio più efficiente.

Secondo il Wwf nella guida del “televisore efficiente” primeggiano i modelli di classe A+ e A++ i quali consumano mediamente il 20% di energia elettrica in meno di tutte le altre categorie. E’ comunque bene tenere presente che a uno schermo grande corrispondono per ovvie ragioni prezzo e consumo maggiori.

E’ risaputo quanto i consumi della televisione pesino sulle bollette degli italiani alla fine del mese; ogni anno, dai 50 euro l’anno se piccola, ai 200 euro per tutti coloro che possiedono i così detti maxi schermi, i quali non a caso rappresentano il 4% dell’elettricità domestica.

Quando abbiamo chiaro la scelta della classe energetica efficiente, altri piccoli escamotage consentirebbero di abbassare i consumi dei televisori seguendo un paio di semplici regole: spegnere la Tv senza lasciarla in stand by e abbassare le luci nella stanza proprio perché usare al minimo l’illuminazione intorno e dietro lo schermo riduce i consumi elettrici e permette di utilizzare al minimo la ‘luminosità’ delle immagini.

Confronta offerte energia

Commenti Facebook: