Tariffe cellulari: in Italia il costo è inferiore alla media UE

Secondo quanto afferma una recente tabella pubblicata dalla Commissione Europea su dati Digital Agenda scoreboard, l’Italia potrebbe vantare un costo medio al minuto di comunicazione mobile pari a 6,9 centesimi di euro, contro una media europea pari a 9,1 centesimi di euro.

Sempre sulla base delle analisi effettuate dall’istituzione comunitaria, pertanto, l’Italia figurerebbe tra i 10 Paesi meno cari della macrozona, posizionandosi al di sotto di Germania, Francia e Spagna. Differenze, quelle delle tariffe di comunicazione mobile, che hanno allarmato più volte l’Unione, evidentemente preoccupata di trovare qualche soluzione per arginare il divario di onerosità che sussiste all’interno dell’UE a 27, dove tra il paese meno caro (la Lituania) e il più caro (i Paesi Bassi) c’è una differenza del 774%.

A potersi fregiare dei dati pubblicati dalla Commissione è, in particolar modo, Telecom Italia. La compagnia è infatti stata “esaminata” insieme alle principali società che operano nel segmento delle chiamate mobili internazionali, ottenendo il valore più basso (35 centesimi di euro al minuto), insieme ai francesi di Orange e agli ungheresi della Telenor, e ben inferiore dei 48 centesimi della tedesca T-Mobile.

Non solo: la società del gruppo che si occupa della telefonia mobile (Tim), figura tra i primi 10 operatori al mondo a offrire un servizio di assistenza clienti su Facebook.

Scopri le migliori offerte ADSL+Cellulare

Commenti Facebook: