Studio di Google: è cambiato il nostro modo di rapportarci alla TV?

La pay TV è in un momento di cambio: ci sono gli utenti classici del palinsesto televisivo e gli utenti che amano lo streaming magari anche da mobile. YouTube è indicativo delle nuove formule di consumo. Ecco i risultati dello studio di Google.

YouTube toglie utenti a Sky e a Mediaset?

Google è un competitor di Mediaset e di Sky, lo sapevate? Ma anche Apple e Amazon. Infatti ognuno di loro offre streaming di film e serie tv. Lo streming da tablet, da smartphone  e su apposite piattaforme dedicate è ormai un’esigenza per le maggiori pay tv italiane, che si dovranno sempre di più innovare in questa direzione considerando appunto i loro enormi competitors.

Un passo l’hanno già fatto: già tutti i contenuti sono infatti già disponibili su tablet e smartphone per i clienti che hanno un abbonamento a una delle due società.

Tuttavia da uno studio realizzato da Ipsos media e condotto dalla stessa Google in Gran Bretagna si direbbe che i tempi per lo streaming non sono ancora maturatisoltanto il 3% di chi usa YouTube ha detto addio alla tv a pagamento, rinunciato all’abbonamento alla pay tv e ai canali via cavo. E’ YouTube infatti il medium di riferimento dello studio per considerare la relazione tra utenza e fruizione di contenuti video come film e serie tv.

Solo l’1% degli utenti di YouTube ha smesso completamente di vedere la tv sia essa via cavo o broadcast.

Il sondaggio di Google ha anche tracciato il profilo degli utenti di YouTube: 

  • il 90% di chi guarda i video ha più di 18 anni, mentre il 50% ne ha più di 35;
  • 10% degli utenti abituali ha tra i 13 e i 17 anni.

Confronta le offerte di pay tv

Commenti Facebook: