Se l’inflazione sale, il tasso reale dei mutui diminuisce

Come noto i tassi di interesse dei mutui in questo periodo sono ai minimi storici, per cui appare più conveniente che mai domandare un finanziamento in questo momento. Ma il costo del credito in termini reali deve fare i conti con l’inflazione e la deflazione.

Attesa una riduzione del tasso reale grazie al Quantitative easing
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Sappiamo bene che la moneta ha un valore nominale e un valore reale. Il primo rimane sempre costante, mentre il secondo è influenzato dall’andamento dei prezzi. Un euro rimarrà sempre un euro, ma quello che si potrà comprare con quel valore nominale varia nel tempo in funzione dell’andamento dell’inflazione, quindi in base all’innalzamento o alla riduzione dei prezzi.

Anche i mutui e i prestiti in generale sono influenzati dall’inflazione. Maggiore è il valore dell’inflazione, minore sarà il tasso reale. Meglio ancora, il tasso reale dipende sostanzialmente da due variabili: il tasso nominale (quello effettivamente praticato al beneficiario del finanziamento, ossia il TAEG) e l’inflazione.
Ottieni un mutuo alle migliori condizioni!
Il tasso reale corrisponde precisamente alla differenza tra tasso nominale e tasso di inflazione. Nell’ultimo anno l’Italia è stata in deflazione, cioè il tasso di inflazione è stato di segno negativo. Da gennaio 2014 a gennaio 2015 la deflazione è stata dello 0,6%. Stando ai dati ABI dello scorso gennaio, il tasso medio dei mutui praticati in Italia è del 2,9%. Il tasso reale medio quindi è dato dalla somma tra 2,9% e 0,6%, cioè del 3,5% (tasso nominale – tasso di inflazione (che in caso di deflazione è negativo e quindi si trasforma in somma).

Restano tutto sommato bassi i tassi di interesse reali, ma il costo del denaro dovrebbe ridursi ancora con la liquida che verrà immessa grazie al Quantitative easing deciso dalla BCE, soprannominato operazione “bazooka”. E’ previsto infatti che grazie a questa misura ci sarà un’ulteriore diminuzione dei tassi e un aumento dell’inflazione. Pertanto il tasso reale nelle prossime settimane dovrebbe verosimilmente abbassarsi ulteriormente.

Commenti Facebook: