Rischio caos bollette dall ’11 aprile: ecco perché

In queste ultime settimane, il settore delle bollette energetiche ha registrato diversi problemi, a partire dall’incremento dei costi di luce e gas entrato in vigore ad inizio dello scorso mese di gennaio. Ora con l’avvicinarsi del prossimo 11 di aprile si rischia il caos. Ecco cosa sta succedendo nel settore e cosa potrebbe accadere in futuro. 

Scopriamo cosa potrebbe succedere alle nostre utenze luce e gas

Con l’avvicinarsi del prossimo 11 aprile si fa sempre più concreto il rischio caos sulle bollette energetiche di luce e gas. Il prossimo 11 aprile, infatti, decadrà il collegio dell’Autorità per l’Energia (Arera) che, di fatto, è l’unico ente abilitato a decidere in merito all’aggiornamento delle tariffe per gli utenti del servizio di maggior tutela che avviene, di norma, su base trimestrale.

Nel caso in cui il prossimo 11 aprile non dovesse più esserci un collegio abilitato ad effettuare l’aggiornamento periodico delle tariffe energetiche il rischio concreto sarà che gli utenti nel regime di maggior tutela, sia per luce che per il gas, potrebbero registrare diversi problemi con le bollette del trimestre luglio-settembre, ovvero il periodo su cui non è ancora stato deciso un aggiornamento tariffario. Gli operatori del settore energetico non possono decidere in autonomia le tariffe da applicare nel regime di maggior tutela in quanto, come previsto dalla normativa, rischierebbero di dover fare i conti con ricorsi e successivi rimborsi anche consistenti.
Scopri le migliori offerte per l’energia elettrica

Ricordiamo che gli utenti che ancora hanno un contratto di fornitura energetica nel regime di maggior tutela hanno la possibilità di valutare le potenzialità offerte dal mercato libero dell’energia che permette, grazie alle tante soluzioni tariffarie disponibili, di risparmiare, anche cifre considerevoli, sulle bollette energetiche.

E’ possibile individuare le migliori soluzioni offerte dal mercato libero grazie al comparatore di SosTariffe.it per offerte luce e offerte gas. Attualmente, grazie al mercato libero, è possibile risparmiare sino a 115 Euro all’anno sull’energia elettrica e sino a 157 Euro all’anno sul gas naturale. Scegliendo le migliori soluzioni del mercato libero, quindi, il risparmio sulle bollette sarà considerevole.

Proroga in arrivo dal Governo

Sul tavolo resta, per ora, l‘ipotesi di un decreto legge da parte del Governo che possa prorogare la scadenza del prossimo 11 aprile rimandando il problema al successivo trimestre, quando la situazione politica dovrebbe aver trovato una stabilità, anche solo temporanea.

Il Governo attuale dovrebbe attendere l’ultima data utile per procedere con questo decreto legge in modo da dare al successivo esecutivo, a prescindere dalla sua composizione, due mesi di tempo per poter convertire in legge il provvedimento. Di fatto, quindi, la scelta del rinnovo dei vertici dell’Autorità dell’energia spetterà al nuovo Governo. 

Il rischio che, dopo le ultime elezioni, in Parlamento non si riesca a formare un Governo con una maggioranza solida è però concreto ed i tempi per la risoluzione della questione delle nomine per i vertici dell’Autorità potrebbero essere davvero molto limitati. In ogni caso, l’eventuale proroga con decreto legge da parte dell’attuale Governo Gentiloni darebbe tempo al nuovo esecutivo di formarsi visto e considerato che il nuovo termine di scadenza verrebbe spostato alla metà di giugno.

Lo scenario più realistico, attualmente, è rappresentato dall’eventualità di avere un collegio operativo solo a partire dal prossimo mese di settembre. E’ chiaro, in ogni caso, che tutto dipenderà dalle scelte dell’attuale Governo e dai tempi con cui si formerà il prossimo. Ulteriori dettagli sulla questione arriveranno, senza dubbio, nel corso dei prossimi giorni quando l’attuale esecutivo dovrà prendere una decisione sulla questione.

 

Commenti Facebook: