Rientro a scuola, prezzi in salita. Come risparmiare sul corredo scolastico

Passato Ferragosto si comincia a parlare del prossimo anno scolastico e il rientro a scuola, e tornano le brutte notizie. Quest'anno si verifica un aumento dell'1,7% sui prezzi del corredo scolastico e il Codacons parla di una "stangata". Libri, zaini, astucci, matite, quaderni costeranno di più rispetto al 2014: secondo Federconsumatori ogni famiglia dovrà spendere circa 1.000 euro per ciascun figlio. Ecco come risparmiare sul corredo scolastico.

Rientro a scuola, prezzi in salita. Come risparmiare sul corredo scolastico

Si avvicina il rientro a scuola e i prezzi sono in salita: una famiglia media dovrà spendere quest’anno circa 500 euro a studente (498,5 euro), con un aumento dell’1,7% rispetto il 2014 secondo dati Codacons. Se si aggiunge il costo per i libri di testo, variabile a seconda del grado di istruzione e della scuola, la spesa complessiva può raggiungere e superare i 1.100 euro a studente, una vera e propria stangata per le tasche delle famiglie.

Anche l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori parla di un aumento medio del +1,5% sui prezzi del corredo scolastico nel 2015, con una spesa per ogni studente che passa da 506,50 euro del 2014 ai 514 euro di quest’anno.
Confronta tariffe e risparmia »

Come risparmiare sul corredo scolastico

Il Codacons ha pubblicato una serie di consigli per risparmiare sulla spesa scolastica, che possono portare a un abbattimento del 40% dei prezzi. Ecco quali sono:

  • Evitate i prodotti di moda. In TV vengono proposti moltissimi oggetti inutili, che il mercato pubblicitario vuole convincere i vostri figli che sono necessari: allontanate i ragazzi dalla TV e non vi lasciate condizionare.
  • Evitare articoli legati ai personaggi dei cartoni animati o bambole famose. E’ possibile spendere il 40% in meno acquistando prodotti di identica qualità.
  • In supermercato si può risparmiare fino al 30% rispetto alla cartolibreria se si fa un acquisto intelligente, altrimenti potete spendere ancora di più. In questo senso, bisogna andare con la lista dettagliata della spesa e rispettarla, nonché acquistare i prodotticivetta“, ovvero quelli venduti addirittura sottocosto, ma poi cambiare supermercato: il resto dei prodotti costano sicuramente di più.
  • Aspettate per fare gli acquisti: quaderni e penne costeranno di meno dopo.
  • Aspettate i professori per le cose più tecniche (libri, dizionari, compasso, etc).
  • Preferite il trolley allo zaino;
  • Cercate le offerte promozionali e kit a prezzo fisso, frutto di un accordo con le associazioni di consumatori, che fanno da garante.

Risparmiare anche sulle spese domestiche

Per avere più liquidità per affrontare le spese del corredo scolastico (e tante altre), è bene tagliare le spese domestiche. In particolare, cambiando fornitore per i principali servizi (energia elettrica, gas, telefono fisso, ADSL, etc) è possibile risparmiare cifre notevoli.

Ad esempio, sulla bolletta della luce alcune offerte del mercato libero consentono a una famiglia di 5 persone (6.300 kWh di consumo annuo) di tagliare la spesa di ben 156 euro all’anno. Alcune tariffe gas invece garantiscono alla stessa famiglia un risparmio di oltre 200 euro all’anno.
Confronta tariffe energia e gas »
Sul fronte della connessione Internet, è possibile avere una nuova tariffa ADSL con linea telefonica, attivazione gratuita e chiamate gratuite verso tutti i fissi (e talvolta i mobili) con meno di 25 euro al mese.

Infine, ricordiamo che esistono tariffe cellulari pensate per i più giovani, sia per i young (meno di 30 anni), sia per i ragazzi della scuola media e superiore con tariffe junior esclusive.

Scopri le migliori tariffe cellulari »

Per maggiori informazioni su tutte queste proposte, rimandiamo ai diversi comparatori di SosTariffe.it, che mettono a confronto le principali proposte commerciali per ogni settore individuando quelle attualmente più convenienti.

« notizia precedente « notizia successiva » »