Produrre energia elettrica dal moto ondoso: i risultati del PolyWec

E’ giunto al termine del proprio primo anno di attività il progetto europeo PolyWec, coordinato dall’Istituto TeCip della Scuola Superiore Sant’Anna: i risultati sembrano essere molto incoraggianti e, presumibilmente, potenziali oggetto di utilizzo industriale.

Risultati positivi per il primo anno di lavoro del PolyWec
Risultati positivi per il primo anno di lavoro del PolyWec

Al recente meeting internazionale svolto presso la stessa sede della Scuola, il team di ricercatori ha presentato i risultati dei prototipi in scala ridotta, e utili per poter testare l’efficienza della trasformazione dell’energia delle onde marine in energia elettrica grazie alla fruizione di “elastomeri elettro attivi”, sostanze resistenti alla corrosione, disponibili a basso costo, e con elevati livelli di efficienza.

Confronta le tariffe energetiche!

Attraverso essi, il progetto PolyWec punta a convertire l’energia elastica in energia elettrica, auspicando di poter applicare su larga scala quanto, fino ad oggi, sperimentato in vasche dalle dimensioni più ridotte.

Il progetto – che secondo i ricercatori che coordinano i lavori ha “un’impronta altamente multidisciplinare, e coinvolge esperti le cui competenze oscillano dalla fluidodinamica delle onde, alla chimica molecolare, alla meccatronica” – ha finora prodotto dei risultati molto positivi. Continueremo a seguire il progresso dei lavori anche nel corso dei prossimi trimestri, nell’auspicio che si possa presto giungere a una sua fruizione ad utilizzo eco-industriale.

Commenti Facebook: