Prestiti per studenti senza busta paga: ecco alcune alternative

Al momento di far richiesta di un prestito personale, i giovani e i disoccupati frequentemente si trovano in disagio. Ma ci sono alcune soluzioni, sopratutto per gli studenti. Le banche, in collaborazione con Enti, Università e Governo, hanno sviluppato diverse proposte di prestiti per gli studenti senza busta paga. Di seguito vi proponiamo alcune alternative valide per i giovani disoccupati che studiano in Università e hanno bisogno di un sostegno economico.

Prestiti per disoccupati e giovani senza busta paga
Prestiti per studenti disoccupati: tutte le alternative
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Tra le poche banche che prevedono un prestito per giovani senza un lavoro fisso, anche non studenti, c’è Banca Intesa Sanpaolo: si tratta del Prestito Superflash, disponibile anche per gli stranieri e i minori di 35 anni senza lavoro fisso.

Tuttavia, i richiedenti devono essere lavoratori anche con contratto atipico, ma comunque lavoratori alla data della domanda del prestito e che abbiano lavorato almeno 18 mesi negli ultimi 2 anni. Occorre, inoltre, avere un conto corrente presso qualsiasi Banca, anche non del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Per quanto riguarda gli studenti, coloro iscritti all’Università degli Studi di Ferrara, ai Politecnici di Milano, Torino, Bari e all’Università Politecnica delle Marche possono fare richiesta dell’UniversitHouse. Questo prestito, erogato anche in collaborazione con il Gruppo Intesa Sanpaolo, consente ai beneficiari di coprire i costi dell’affitto durante gli anni di studio.

La somma erogata non può oltrepassare i 24 mila euro, e dovrà essere rimborsata con un finanziamento a tasso fisso a partire dal termine del periodo di studio.

Altro prestito pensato per gli studenti senza busta paga è Intesa Bridge. Ovviamente, si tratta di un ulteriore finanziamento emesso da Intesa Sanpaolo, stavolta come un tradizionale prestito d’onore per studenti.

L’importo erogabile è di massimo a 5.000 euro, e va rimborsato con un piano di ammortamento che inizia 1 anno dopo la laurea. Sono condizioni fondamentali per beneficiare di questo prestito il merito scolastico e il rispetto del piano di studi.

Anche Banca Sella offre un prestito d’onore per studenti senza busta paga, finalizzato alla frequenza di un Master o di un corso post-universitario da parte di studenti che hanno appena lasciato un’occupazione per studiare. Il prestito può essere erogato anche agli stranieri e gli studi da finanziare possono svolgersi anche all’estero. Per Banca Sella però è fondamentale, prima di concedere il prestito al giovane candidato, che ci sia una chiara possibilità di impiego effettivo del richiedente una volta finiti gli studi.

Esiste, inoltre, una vasta gamma di prestiti per giovani di Banca UniCredit, che potete consultare nel nostro articolo ad essi dedicati.

Infine, potrebbe essere utile per gli studenti del Politecnico di Milano l’iniziativa nata dalla collaborazione tra Politecnico, CartaSì e Banca Popolare di Sondrio; si tratta della PoliCredit Card, una carta di credito revolving, che consente l’acquisto presso i punti vendita convenzionati CartaSì e il pagamento a saldo o rateale.

 

Commenti Facebook: