Piano Voucher: le proposte per semplificare l'accesso al Bonus PC e Internet da 500 euro

Il Piano Voucher è partito lo scorso novembre con l'obiettivo di consentire alle famiglie e, successivamente, alle aziende di accedere al Bonus PC e Internet con un voucher da utilizzare per coprire i costi per l'accesso alla banda ultra-larga. La Fase 1 del Piano Voucher continua a ritmo molto lento mentre la Fase 2, che doveva partire a fine 2020, è ancora in una fase preliminare. I sindacati delle telecomunicazioni (Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil) chiedono al Governo di semplificare l'erogazione dei voucher. Ecco come:

Piano Voucher: le proposte per semplificare l'accesso al Bonus PC e Internet da 500 euro

A distanza di quasi 9 mesi dalla partenza, la Fase 1 del Piano Voucher è ferma e buona parte dei fondi stanziati sono ancora disponibili. La Fase 2, che doveva partire entro la fine del 2020, non è mai stata avviata, nonostante i fondi siano già stati stanziati. Il progetto, quindi, non sembra essere riuscito, per ora, a raggiungere l’obiettivo di sostenere la diffusione della banda ultra-larga in Italia. Come conferma l’indagine di SOStariffe.it relativa al mese scorso, quasi il 60% dei fondi della Fase 1 non sono stati utilizzati.

In merito alla situazione arrivano le proposte dei sindacati delle telecomunicazioni, Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uilm che richiedono al Governo un intervento per semplificare l’erogazione dei voucher rispetto a quelle che sono le attuali normative per l’accesso all’agevolazione. Solo in questo modo, secondo i sindacati, sarà possibile accelerare l’adesione all’iniziativa e dare un vero contributo alla diffusione della banda ultra-larga in Italia.

I sindacati sottolineano: “Invitiamo il Governo a dare urgente avvio alla fase 2, tenendo in considerazione l’esperienza della fase 1 e ponendo rimedio ad alcuni chiari vincoli che non hanno permesso la piena spendibilità delle risorse. Innanzitutto, crediamo sia utile eliminare il limite Isee che limita fortemente i destinatari della misura e comporta un aumento delle pratiche burocratiche da parte di cittadini ed operatori”

Da segnalare anche un’importante proposta di natura “tecnica” che punta a risolvere uno degli aspetti più problematici della misura. Secondo i sindacati delle telecomunicazioni, per l’accesso al Piano Voucher: “dovrebbero essere estese le tecnologie abilitanti l’erogazione dei voucher anche all’utilizzo di Adsl/Fwa (solo in mancanza di copertura in banda ultra larga)“. Attualmente, ricordiamo, la misura è accessibile attivando connessioni FTTH o FTTC con velocità massima di almeno 30 Mega in download e 15 Mega in upload.

La serie di proposte dei sindacati comprende anche la possibilità di fissare norme precise in grado di garantire tempi certi di attivazione da parte degli operatori, con possibili penali in caso di ritardi non giustificati. Da segnalare anche la necessità, secondo i sindacati, di avviare un piano di comunicazione per informare i cittadini in merito alla possibilità di aderire al Piano Voucher.

Scopri qui le migliori offerte fibra ottica»

Piano Voucher: come accedere al Bonus PC e Internet della Fase 1

Attualmente, il Piano Voucher è disponibile con la sola Fase 1. Tale fase prevede l’erogazione di un voucher da 500 euro da utilizzare per l’attivazione di un abbonamento Internet casa (da almeno 30 Mega di velocità massima in download) e l’acquisto di un PC o un tablet, fornito dall’operatore di telefonia e con specifiche che devono soddisfare requisiti minimi fissati dalla normativa. Per l’accesso al bonus è necessario rispettare i seguenti requisiti:

  • ISEE inferiore a 20.000 euro
  • possibilità di attivare una connessione Internet con tecnologia FTTH e FTTC con velocità massima di almeno 30 Mega in download e 15 Mega in upload
  • nel caso l’utente abbia già una connessione di questo tipo potrà accedere al bonus, fermo restando il vincolo ISEE, solo passando alla fibra FTTH da almeno 1.000 Mega

Gli operatori di telefonia possono accettare il Bonus PC e Internet da 500 euro solo per l’attivazione di offerte specifiche che hanno ricevuto l’approvazione da parte di Infratel Italia, la società pubblica che si occupa della gestione e dell’erogazione dei voucher. Il bonus da 500 euro dovrà essere così suddiviso:

  • da un minimo di 200 euro ad un massimo di 400 euro per la copertura dei costi della connessione Internet (attivazione e canone mensile) per un abbonamento da almeno un anno
  • da un minimo di 100 euro ad un massimo di 300 euro per l’acquisto di un PC o un tablet fornito direttamente dall’operatore

Attualmente, tra le migliori offerte compatibili con il bonus PC e Internet troviamo le seguenti proposte degli operatori:

Operatore Offerta Linea telefonica e Internet PC/Tablet incluso Canone mensile
Fastweb Fastweb NeXXt Casa chiamate a consumo, Internet illimitato sino a 2500Mega (FTTH) o 200 Mega (FTTC) Huawei MediaPad 10.4” Wi-Fi incluso nell’offerta senza alcun costo aggiuntivo 7,95 euro al mese per 12 mesi (poi 27,95 euro al mese)
TIM TIM Super Voucher chiamate gratis verso fissi e mobili nazionali, Internet illimitato sino a 1000 Mega (FTTH) o 200 Mega (FTTC) Lenovo Tab P11 a 0 euro oppure Samsung Galaxy Tab S6 Lite WiFi a 29,90 Euro oppure PC Onda Oliver Plus 15.6′‘ a 99,90 Euro 19,90 Euro al mese per 20 mesi (poi 29,90 Euro al mese)
Tiscali Ultrainternet Fibra Voucher chiamate a consumo, Internet illimitato sino a 1000 Mega (FTTH) o 200 Mega (FTTC) Huawei MediaPad 10.4” 4G 14,95 euro al mese per 12 mesi (poi 32,95 euro al mese)
Vodafone Internet Unlimited chiamate a consumo Internet illimitato sino a 1000 Mega (FTTH) o 200 Mega (FTTC) Lenovo Yoga Smart TAB a 19,99 euro 19,90 Euro al mese per 24 mesi (poi 29,90 Euro al mese)
WINDTRE Super Fibra chiamate a consumo Internet illimitato sino a 1000 Mega (FTTH) o 200 Mega (FTTC) Samsung Galaxy TAB S6 LITE a 159 euro 12,31 euro al mese per 12 mesi (poi 28,98 euro al mese)

Per quanto riguarda il PC o il tablet che gli operatori devono includono nell’offerta, tale dispositivo deve rispettare i seguenti requisiti tecnici minimi che possono essere raggiunti anche con l’aggiunta, senza costi extra, di accessori esterni:

Tablet

PC

  • CPU: 4 core; 2 GHz o superiori (oppure 8 core; 1 GHz o superiori)
  • RAM: 4 GB o superiori
  • Dimensioni Schermo: maggiore di 10 pollici
  • Risoluzione Schermo: Full-HD o superiori
  • Memoria interna: 64 GB o superiori
  • Connettività: Wi-Fi, Bluetooth, USB
  • Fotocamera: 8 Mpx ƒ/1.9
  • Batteria: 6000 mAh o superiore
  • CPU: 4 core; 2 GHz o superiori
  • RAM: 8 GB o superiori
  • Dimensione Schermo: maggiore di 14 pollici
  • Risoluzione Schermo: HD (1366×768) o superiori
  • Memoria interna (disco o SSD): 256 GB o superiori
  • Connettività: Wi-Fi, Bluetooth, USB
  • Fotocamera: 8 Mpx ƒ/1.9
  • Autonomia: 8 ore o superiore
  • Audio integrato
Verifica la tua copertura Inserisci il tuo indirizzo e scopri se sei raggiunto da fibra o ADSL

Cosa prevede la Fase 2 del Piano Voucher

Attesa per la partenza entro fine 2020, la Fase 2 è attualmente bloccata. La normativa prevede, per questa fase del Piano Voucher, la possibilità per le famiglie con ISEE inferiore a 50.000 euro di poter accedere ad un voucher da 200 euro da utilizzare esclusivamente per la copertura dei costi della connessione Internet casa, senza quindi il PC o il tablet incluso. I requisiti per l’accesso alla connessione, per quanto riguarda gli aspetti tecnici, sono gli stessi visti in precedenza.

Il Piano Voucher, per quanto riguarda la Fase 2, prevede anche agevolazioni per il passaggio alla banda ultra larga per le aziende, in particolare per le piccole realtà che non hanno ancora effettuato l’upgrade. Al momento, in ogni caso, è tutto fermo e non ci sono informazioni in merito alle tempistiche di partenza della Fase 2. Tale fase attende ancora l’ok dell’UE per poter avviare l’apertura delle domande da parte degli utenti. Non si escludono, in ogni caso, modifiche in corso d’opera.

Commenti Facebook: