Per l’Amiata Enel Green Power punta sulla geotermia

Sono stati presentati all’incontro “Geotermia come reale opportunità di lavoro per le imprese” i dati relativi all’impegno di Enel Green Power nel territorio dell’Amiata, un’occasione anche per fare il punto della situazione e parlare degli investimenti per il 2015.

Amiata
Dal 2015, 6,3 milioni di euro all'anno ai comuni interessati dagli impianti

Grazie alla costruzione della centrale di Bagnore 4, al piano di riassetto di Piancastagnaio e alle attività di manutenzione ordinaria sul territorio dell’Amiata, sono stati creati nuovi posti di lavoro ed è aumentato di molto il coinvolgimento dell’imprenditoria e dell’artigianato locale, in un percorso condiviso tra Enel Green Power, imprese locali e amministrazioni comunali.

Dal 2015, sui territori dei comuni di Piancastagnaio, Santa Fiora e Arcidosso arriveranno come compensazioni economiche 6,3 milioni di euro all’anno, da usare per lo sviluppo delle infrastrutture e dell’economia della zona. Molti sono gli spunti per una fattiva collaborazione con le imprese, dagli appalti allo scouting per le più promettenti startup, passando per le infrastrutture per la distribuzione del calore a basso prezzo, accordi formativi, tirocini e valorizzazione degli impianti presenti sul territorio.

Anche Enel Energia opera con costanza per forniture di energia elettrica e gas sul mercato libero che facciano ricorso alle energie rinnovabili: con l’offerta Semplice Luce, l’energia consumata è prodotta solo da fonti rinnovabili come acqua, vento e sole.
Scopri Semplice Luce

Commenti Facebook: