Nuova scoperta nel deserto occidentale egiziano per Eni

Eni ha annunciato una nuova scoperta a olio e gas nel deserto occidentale egiziano, e per l’esattezza all’interno del prospetto esplorativo Melehia West Deep, nella concessione di Melehia, 300 chilometri a ovest di Alessandria d’Egitto. In totale, negli ultimi 3 anni, eni in queste zone ha raddoppiato la produzione di olio attraverso l’esplorazione delle sequenze profonde.

Egitto-Eni
Eni in queste zone ha raddoppiato la produzione di olio attraverso l'esplorazione delle sequenze profonde

Perforato a 4.175 metri di profondità, Melehia West Deep 1X – il pozzo esplorativo che ha consentito la scoperta – ha incontrato uno spessore netto mineralizzato a olio leggero di 20 metri nella formazione Alam El Bueib, di età cretacico inferiore.

Dopo questa scoperta verranno immediatamente perforati altri pozzi di delineazione e sviluppo: l’obiettivo è arrivare a una produzione stimata di circa 8.000 barili al giorno entro fine 2015.

Attraverso la controllata Egyptian Oil Company (IEOC), eni detiene il 76% nella concessione di Melehia insieme a Lukoil, partner con il restante 24%. L’operatore della concessione è Agiba, detenuta in maniera paritaria da IEOC e Egyptian General Petroleum Corporation (EGPC).
Scopri eni FIXA
Nel deserto occidentale egiziano oggi eni produce più di 60mila barili al giorno in cinque diverse licenze di sviluppo, tutte quante operate da Agiba. Il gruppo è presente nel Paese africano fin dal 1954, dove opera attraverso IEOC, ed è il principale produttore con una produzione equity pari a circa 210 mila barili di olio equivalente al giorno.

Commenti Facebook: