Negli Stati Uniti i mutui salgono dell’11,1%

Il dato settimanale del 2 gennaio sulle domande di mutui d’oltreoceano farebbe pensare ad una inversione di tendenza o quantomeno rappresenterebbe un segno di discontinuità rispetto alle difficoltà dei mesi scorsi.

Segnali di ripresa dei mutui negli Stati Uniti
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Dopo una chiusura di anno negativa per il mercato di mutui statunitense, nella settimana al 2 gennaio si è registrato un aumento delle domande dell’11% e una crescita del 16% dei rifinanziamenti, mentre l’apertura di nuovi mutui segna un incremento del 4,5%.
Ottieni un mutuo alle migliori condizioni!
In generale il volume delle richieste di mutui ha raggiunto quota 329,9 punti, mentre la settimana precedente si attestava a 296,9 punti. Questo è quanto risulta da un’analisi effettuata da Mortgage Bankers Association, dalla quale si evince anche che l’indice di rifinanziamento è salito del 16% a 1.349,3 punti contro i 1.162,9 punti della settimana precedente, mentre quello di acquisto è salito del 4,5% attestandosi a 159,2 punti, contro i 152,4 punti della settimana precedente.

E’ troppo presto per affermare che si tratti di un’inversione di tendenza, ma sicuramente i nuovi dati rappresentano un segno di discontinuità rispetto alle risultanze del 2014. Durante il periodo festivo di fine dicembre dell’anno appena trascorso, l’erogazione di nuovi mutui era sceso del 5% rispetto alle settimane precedenti, mentre i rifinanziamenti avevano registrato una flessione del 12%.

Commenti Facebook: