Mutui italiani, i più cari d’Europa: 828 euro in più l’anno per avere una casa

Adusbef, associazione di consumatore, lancia l’allarme sui mutui in Italia, diventati, oramai, i più salati in Europa. La colpa, secondo l’associazione, sarebbe da attribuire alle banche: per fare un esempio una famiglia che ha sottoscritto un mutuo di 100 mila euro a 30 anni andrà a pagare 69 euro in più al mese per un totale di 828 euro l’anno. A gennaio anche l’associazione bancaria ABI ha registrato un aumento del costo sostenuto per attivare un mutuo.

Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Secondo i dati BCE la differenza per il tasso sui mutui tra Italia e media UE è di 119 punti base. Secondo l’associazione Adusbef chi sottoscrive un mutuo può arrivare a spendere oltre 24 mila euro in più rispetto ad un altro cittadino residente in zona euro. Secondo l’associazione questo rappresenta un vero e proprio “saccheggio” che le banche attuano nei confronti dei cittadini. La differenza prima descritta sarebbe, inoltre, raddoppiata nel giro di un anno.

Anche gli spread applicati ai tassi variabili sarebbero aumentati e a oggi questi vanno dal 2,70% al 4% con picchi che possono arrivare anche al 4,5% per i tassi fissi, complice il livello basso dell’euribor, dei tassi variabili e l’euris per i tassi fissi.

Brutte notizie anche dall’abi che a gennaio ha registrato un leggero incremento dei tassi sui nuovi mutui: si stratta di un aumento che va dal 3,7% al 3,75%. Salito anche il tasso per i finanziamenti alle aziende, che oggi è del 3,71%.

 

Commenti Facebook: