Molto presto si pagherà con un Tweet

Grazie ad un accordo tra il social network dei “cinguettii” e la BPCE (Banques Populaires et des Caisses d'Epargne), in Francia si potranno molto presto effettuare bonifici con un Tweet. E' molto probabile che seguiranno l'esempio anche altri Paesi e altri operatori. Facebook è già a lavoro per sviluppare un proprio sistema di pagamento attraverso l'uso di messenger.

Molto presto si pagherà con un Tweet

Sembra che nel futuro prossimo i pagamenti telematici, avranno sempre maggiore diffusione e maggiore immediatezza, grazie a delle partnership tra istituti bancari e finanziari, da un lato, e operatori della “web economy”, dall’altro. Già la creazione del sistema di pagamento Paypal, qualche anno fa, rappresentava una mezza rivoluzione, per semplicità e immediatezza, unite alla sicurezza. Ma molto presto le cose diventeranno ancora più semplici.

Dopo l’ingresso sul mercato di Apple Pay, che consente ai proprietari di iPhone di utilizzare il proprio dispositivo per effettuare pagamenti, ora è la volta dei social network. Twitter è riuscito a precedere Facebook, che pure ha manifestato l’intenzione di debuttare in questo campo e starebbe già mettendo a punto un sistema che prevede il trasferimento di denaro attraverso l’applicazione messenger.

L’Internet Mobile è ormai diventato un terreno molto fertile che offre notevoli potenzialità nell’erogazione dei servizi più vari, tra cui, appunto, i pagamenti.

Scopri le offerte Internet Mobile »

Ma come funziona il pagamento via Twitter?

La partnership tra Twitter e BCPE prevede un sistema di pagamento basato su S-Money, il quale permette il trasferimento di denaro tramite sms. Per poter utilizzare il servizio occorre avere un account Twitter e un conto corrente in banca e sarà operativo sul solo territorio francese. Non occorrerà inserire il numero di conto del destinatario.

Scopri i migliori conti correnti »

Ancora non è stato presentato ufficialmente il sistema e non si conosce la data in cui avverrà il debutto, ma non dovrebbe tardare molto. C’è da scommettere che dalla Francia il sistema possa estendersi in breve tempo anche in altri Paesi.

Ma saranno sicure queste forme di pagamento?

Occorre sempre tenere presente gli hacker sono in agguato, per cui occorrerà adottare dei protocolli di sicurezza molto avanzati per scongiurare conseguenze spiacevoli a danno degli utenti e delle banche stesse.

Ti è piaciuto questo articolo? Vota per SosTariffe.it come miglior sito dell’anno e potrai vincere un MacBook Air e tanti altri premi: hai tempo fino al 21 Novembre!

Vota SosTariffe.it e vinci! »

Commenti Facebook: