Maggior Tutela luce e gas: la fine slitta al 2020

Nuovo rinvio per la fine per il regime di Maggior Tutela nel mercato dell’energia elettrica ed il gas naturale. Dopo il primo rinvio incluso nella legge sulla concorrenza di alcuni mesi fa, un emendamento firmato Movimento 5 Stelle e Lega fa slittare la fine della Maggior Tutela al 2020. Ecco tutti i dettagli in merito al provvedimento ed al futuro del mercato dell’energia.

Ancora un rinvio per la fine della Maggior Tutela

Un nuovo emendamento targato M5S e Lega va a modificare una delle riforme centrali della recente legge concorrenza spostando la fine del regime di Maggior Tutela per il mercato dell’energia elettrica e del gas naturale in Italia. La nuova data per la liberalizzazione totale del mercato energetico italiano è ora fissata per il prossimo 1 luglio 2020. 

La legge concorrenza aveva già confermato lo slittamento della fine della Maggior Tutela dal luglio del 2018 al luglio del 2019. Questo nuovo provvedimento va a posticipare ulteriormente la fine del regime tutela che resterà disponibile per gli utenti ancora per poco meno di due anni.

Scopri le migliori offerte luce

Le motivazioni del nuovo slittamento

Le motivazioni alla base di questo nuovo slittamento della data di fine del mercato di Maggior Tutela per l’energia elettrica ed il gas naturale sono diverse. In primo luogo, sulla scelta delle forze governative pesa il ritardo del processo di implementazione della riforma. Il Ministero dello Sviluppo Economico guidato da Di Maio non ha ancora completato il decreto attuativo per l’avvio della riforma prevista dalla legge concorrenza.

A causare lo slittamento della fine della Maggior Tutela troviamo anche motivazioni di natura strettamente politica legate all’effettiva opportunità di porre fine al regime dei prezzi tutelati per l’energia elettrica ed il gas. Il pensiero della Maggioranza di Governo, infatti, è chiaro.

Al momento, infatti, non ci sarebbe la sufficiente chiarezza in merito al sistema di offerte per i clienti. Vi sono, inoltre, forti dubbi in merito al servizio di salvaguardia che avrà il compito di garantire il servizio e le giuste condizioni economiche agli utenti che, dopo la fine della Maggior Tutela, resteranno senza fornitore non avendo attivando alcuna offerta nel mercato libero dell’energia.

La proroga ha come target finale la correzione di alcuni elementi della riforma che verranno eseguite dal Ministero dello Sviluppo economico in collaborazione con l’Authority per l’energia e l’Antitrust. L’obiettivo è massimizzare la trasparenza per i consumatori ed eliminare il rischio di pratiche commerciali scorrette da parte degli operatori impegnati nel settore dell’energia.

Risparmiare su luce e gas è già possibile con le offerte del Mercato Libero

Lo slittamento della fine della Maggior Tutela non cambia la realtà del mercato dell’energia attuale. Con le offerte del Mercato Libero, infatti, è già possibile ridurre al minimo le bollette energetiche e, quindi, risparmiare su luce e gas già da oggi. 

Dopo i recenti aggiornamenti tariffari comunicati dall’Autorità, che hanno comportato un netto incremento dei prezzi per i clienti in Maggior Tutela, le offerte del Mercato Libero, disponibili normalmente con prezzi bloccati per almeno 12 mesi e senza alcun costo di attivazione per i clienti, possono già garantire un notevole risparmio nel breve e nel medio periodo.

Un cliente “tipo” può arrivare a risparmiare più di 200 Euro all’anno sulle bollette energetiche. E’ possibile consultare il comparatore di SosTariffe.it per offerte luce e offerte gas per scoprire le tariffe più vantaggiose, in relazione ai propri consumi, da attivare tra le tante proposte attualmente disponibili sul mercato libero dell’energia.

Commenti Facebook: