Libretto auto e carta di circolazione: dal 1° luglio c’è il documento unico

Dal 1° luglio 2018 entra in vigore il Documento Unico di circolazione, che accorpa il libretto e il certificato di proprietà. Una semplificazione in primo luogo burocratica ma anche un risparmio per il contribuente, che non sarà più tenuto a pagare i due bolli per un valore totale di 32 euro e che vedrà scendere il costo dell’iscrizione o della trascrizione del veicolo all’Aci da 27 a 20 euro.

Il risparmio totale sarà di 39 euro per gli automobilisti

Come cambiano i documenti per l’auto

Capita spesso di fare un po’ di confusione tra i diversi documenti della propria auto (e su quali avere sempre con sé in caso di controllo). In particolare il libretto di circolazione e il certificato di proprietà sono i più importanti, e proprio da quest’anno ci sono importanti novità che li riguardano: in base al decreto sul Documento Unico di circolazione, dal dal 1° luglio 2018 entrerà in vigore il documento che unirà libretto e certificato, con un gradito risparmio dei costi per l’utente.

Grazie all’unificazione, infatti, si elimineranno i due bolli (per un costo totale di 32 euro) e si ridurrà anche la tariffa PRA (Pubblico Registro Automobilistico) per l’iscrizione o la trascrizione del veicolo all’Aci, che scende da 27 a 20 euro, per un risparmio totale di 39 euro.
Confronta le assicurazioni auto »

Come funziona il Documento Unico

Il Documento o Foglio Unico di circolazione è valido per auto, moto, rimorchi e per i veicoli in generale. Oltre al risparmio monetario, a cui unire quello di una buona assicurazione auto, si semplifica la procedura della compravendita di veicoli, con meno spese e meno burocrazia: l’immatricolazione o il passaggio di proprietà infatti costeranno solo 61 euro rispetto ai 100 attuali. Anche per il Foglio Unico vale la normativa che vieta una differente intestazione tra il libretto del veicolo e la patente di guida del conducente; l’unica eccezione si verifica quando alla guida dell’auto c’è un familiare stretto del proprietario.

Lo stesso PRA cambierà faccia, passando sotto il nuovo ente chiamato Agenzia per il Trasporto Stradale.

Commenti Facebook: