Le migliori app per usare la radio

La maggior parte degli smartphone in commercio integra chip FM (Frequency Modulation) capaci di ricevere i segnali radio diffusi in modulazione di frequenza. Eccezion fatta per HTC One M9, il nuovo Microsoft Lumia 950 XL e altri pochi modelli, quei chip sono spenti, e per ascoltare le trasmissioni radiofoniche, gli utenti devono affidarsi alle app. 

Le migliori app per usare la radio

C’era una volta la radio in FM (Frequency Modulation). E c’è ancora, nonostante il debutto del DAB (Digital Audio Broadcasting), la cosiddetta Digital Radio. C’erano una volta numerosi modelli di smartphone con chip FM attivi. Ce ne sono ancora, iPhone incluso, ma con moduli FM spenti, eccezion fatta per HTC One M9, il nuovo Microsoft Lumia 950 XL e pochi altri.

FM AM

Nella maggior parte dei casi, quindi, per ascoltare la radio tramite cellulari intelligenti, gli utenti devono raggiungere i siti web delle emittenti oppure affidarsi alle app progettate per i differenti sistemi operativi.

Che si passi per i siti web o per le app, per usare la radio da smartphone è opportuno sottoscrivere un contratto di Telefonia Mobile comprensivo di servizio dati o un contratto di Internet Mobile, altrimenti si rischia di vedersi prosciugato il traffico telefonico a disposizione.

Confronta Tariffe di Telefonia Mobile »

È opportuno anche tenere d’occhio i consumi di banda generati dall’ascolto di radio attraverso la Rete. A tal fine, si può fare riferimento allo strumento Internet Radio Bandwidth Calculator. Con un bitrate (velocità di trasmissione) a 128 Kbps, per esempio, se ne vanno circa 56MB ogni ora.

Confronta Tariffe di Internet Mobile »

Oltre che ai consumi, gli utenti di iPhone, di smartphone equipaggiati con Android, quali i modelli Samsung, e di cellulari intelligenti basati su Windows Phone, quali gli esemplari Lumia firmati Microsoft, dovrebbero prestare attenzione alla durata della batteria. Usare le cosiddette Internet radio, infatti, impatta in maniera rilevante sull’autonomia.

radio

Quali sono le migliori app per usare la radio? La maggior parte delle emittenti radiofoniche italiane e straniere, innanzitutto, ha sviluppato in proprio o commissionato lo sviluppo di app dedicate. È il caso, per esempio, di RTL 102.5, Radio RAI, Radio Deejay e Radio 105.

Numerosi esperti di settore consigliano di provare TuneIn Radio, soluzione sviluppata da TuneIn e disponibile per il download gratuito presso App Store, Google Play e Windows Phone Store. Il suggerimento sembra peraltro incontrare il favore degli utenti, le cui recensioni sono in linea generale di tenore positivo.

TuneIn Radio 2 iPhone

TuneIn Radio permette di scegliere tra oltre 100.000 stazioni radio e 4 milioni di podcast riguardanti musica, informazione, sport e intrattenimento. Chi ha un iPhone o uno smartphone Android e desidera eliminare la pubblicità – e registrare ciò che sta ascoltando – può acquistare TuneIn Radio Pro (9,99 euro su App Store e 11,07 euro su Google Play).

Recensioni positive si registrano anche per XiiaLive, soprattutto presso Google Play. Meno consenso, invece, emerge dai feedback pubblicati presso App Store. Sviluppata da Visual Blaster e disponibile per il download gratuito, XiiaLive consente di accedere a circa 50.000 stazioni radio.

xiialive

Medesima sorte è riservata a 8tracks playlist radio, un’altra app suggerita da non pochi esperti di settore. Si tratta di soluzione gratuita sviluppata da 8tracks che sinora ha ottenuto recensioni positive presso Google Play e una sola stella, invece, presso App Store.

8tracks

Gli appassionati di radio dovrebbero inoltre prendere in considerazione radio.it, sviluppata radio.de e disponibile per il download gratuito presso App Store, Google Play e Windows Phone Store. Oltre 30.000 le stazioni a disposizione degli utenti.

radiopuntoit

Si ricorda, infine, che gli utenti di Spotify e di Apple Music possono fruire di servizi radio integrati. Entrambe le app consentono, infatti, di creare una propria stazione, selezionando un brano, un album o un artista. Spotify offre anche la possibilità di esplorare stazioni per genere (pop, rock, classica etc.), mentre Apple Music mette a disposizione Beats 1.