Le chiamate Skype-to-Skype diventeranno a pagamento

Skype cambia, in peggio. Entro fine 2010 le chiamate Skype verso altri utenti Skype diventeranno a pagamento. Al momento è sicuro per tutte le chiamate da dispositivi mobili, Skype su iPhone, Android e Symbian in primis.

Ecco perché Skype ha spinto in questi mesi per la neutralità della rete: il colosso Voip, dopo l’acquisizione, ha deciso di correre da solo e di non sottostare alle logiche degli operatori di telefonia mobile. I margini resteranno totalmente alla società e non sarà divisa con i provider, golosi di nuove entrate dopo il calo della redditività voce con l’avvento di internet mobile.

Skype quindi metterà a pagamento le chiamate effettuate dai client VoIP mobili ( parte Windows Mobile che, per il momento non è più supportato): i costi saranno contenuti, elencati di seguito.

chiamate-skype-to-skype-pagamento

SosTariffe in esclusiva comunica le prime indiscrezioni trapelate sulle tariffe Skype-to-Skype mobile:

Tariffe a consumo per chiamate Skype-to-Skype mobili: 2 centesimi al minuto, il credito non scade più e sarà possibile acquistarlo come avviene ora per le chiamate verso i numeri fissi e mobili.

Abbonamenti mensili per chiamate Skype-to-Skype mobili a partire da 5 euro verso tutti o abbonamenti ridotti per chiamare un ristretto numero di utenti ( a partire da 1,99 euro al mese per chiamare un utente preferito).

Dopo la pubblicità su Skype e la videoconferenza Skype a pagamento arriva quindi la chiamata Skype – Skype da cellulare a pagamento, segnando un cambiamento di rotta importante nella strategia di Skype.

Sicuramente questa notizia susciterà un grande malumore tra tutti gli utenti: in fondo Skype stessa, che si batte per la neutralità della rete é la prima a discriminare il traffico a seconda dei dispositivi fissi e mobili che vengono usati.

Fring, nimbuzz e gli altri client VoIP sono stati avvoltoi in attesa della preda per molti anni: é arrivata l’ora di Skype, il malato sta per morire e dare in pasto gli utenti mobili ai propri competitors, a meno che anche loro diventeranno a pagamento.

Arriverà così Google Voice, si prenderà tutti gli utenti e li trasformerà nel bacino di clienti per la nuova piattaforma di pubblicità mobile grazie all’acquisizione di AdMob, concessa da Apple.

a, in peggio. Entro fine 2010 le chiamate Skype verso altri utenti Skype diventeranno a pagamento. Al momento è sicuro per tutte le chiamate da dispositivi mobili, Skype su iPhone, Android e Symbian in primis.

Ecco perché Skype ha spinto in questi mesi per la neutralità della rete: il colosso Voip, dopo l’acquisizione, ha deciso di correre da solo e di non sottostare alle logiche degli operatori di telefonia mobile. I margini resteranno totalmente alla società e non sarà divisa con i provider, golosi di nuove entrate dopo il calo della redditività voce con l’avvento di internet mobile.

Skype quindi metterà a pagamento le chiamate effettuate dai client VoIP mobili ( parte Windows Mobile che, per il momento non è più supportato): i costi saranno contenuti, elencati di seguito.

chiamate-skype-to-skype-pagamento

SosTariffe in esclusiva comunica le prime indiscrezioni trapelate sulle tariffe Skype-to-Skype mobile:

Tariffe a consumo per chiamate Skype-to-Skype mobili: 2 centesimi al minuto, il credito non scade più e sarà possibile acquistarlo come avviene ora per le chiamate verso i numeri fissi e mobili.

Abbonamenti mensili per chiamate Skype-to-Skype mobili a partire da 5 euro verso tutti o abbonamenti ridotti per chiamare un ristretto numero di utenti ( a partire da 1,99 euro al mese per chiamare un utente preferito).

Dopo la pubblicità su Skype e la videoconferenza Skype a pagamento arriva quindi la chiamata Skype – Skype da cellulare a pagamento, segnando un cambiamento di rotta importante nella strategia di Skype.

Sicuramente questa notizia susciterà un grande malumore tra tutti gli utenti: in fondo Skype stessa, che si batte per la neutralità della rete é la prima a discriminare il traffico a seconda dei dispositivi fissi e mobili che vengono usati.

Fring, nimbuzz e gli altri client VoIP sono stati avvoltoi in attesa della preda per molti anni: é arrivata l’ora di Skype, il malato sta per morire e dare in pasto gli utenti mobili ai propri competitors, a meno che anche loro diventeranno a pagamento.

Arriverà così Google Voice, si prenderà tutti gli utenti e li trasformerà nel bacino di clienti per la nuova piattaforma di pubblicità mobile grazie all’acquisizione di AdMob, concessa da Apple.

Commenti Facebook: