Le assicurazioni perdono in giudizio per uso di clausole illegittime

La giurisprudenza assicurativa aiuta a chiarire diversi aspetti dei contratti Rc auto, e spesso, stabilisce o meno la illegittimità delle clausole adottate dalle assicurazioni. Di recente alcune sentenze hanno coinvolto tre famose compagnie assicurative, e nelle stesse i giudici si sono pronunciati su importanti questioni relative a franchigia e cessione del credito. Ecco cosa hanno deciso. 

Franchigia e cessione del credito nei contratti Rc auto. Ecco cosa hanno stabilito i giudici

Ultimamente in tribunale le assicurazioni perdono clamorosamente. I giudici sembrano stare dalla parte dei consumatori, soprattutto relativamente alle questioni di cessione del credito, franchigia e riparazione auto. Recenti sentenze hanno coinvolto tre compagnie di assicurazioni molto conosciute, le quali hanno sofferto la soccombenza in giudizio a causa dell’adozione di alcune clausole illecite nei contratti Rc auto.

Si tratta nello specifico delle clausola che impone una franchigia sulle riparazioni affidate ai carrozzieri non convenzionati, di quella che penalizza i clienti che intendono cedere il credito ad un officina indipendente e di quella che vieta (illegittimamente, come stabilito dai giudici) di cedere il credito.

Alla luce delle nuove disposizioni introdotte dal Ddl Concorrenza però, tali sentenze potrebbero essere riviste, in quanto gli sconti sull’Rc auto cui le assicurazioni saranno obbligate sono legati proprio alla scelta di una carrozzeria convenzionata con la compagnia e alla mancata cessione del credito.
Confronta preventivi RC auto

Commenti Facebook: