Internet e telefono a Cuba…

Cuba è sicuramente un paese di grande fascino e di grandi contrasti, dotato di un grande potenziale in tutti i sensi. Un’isola al centro delle due americhe da sempre ambita dalle potenti nazioni circostanti, e soprattutto da sempre avvolta in un clima autarchico di resistenza assoluta verso le influenze esterne. Un simbolo di capacità incredibile di autosussistenza ma anche di incapacità cronica di prevedere l’innovazione delle cose, se è un termine che possiamo utilizzare, sappiamo solo che le telecomunicazioni a Cuba sono stati tra i settori più soffocati dalla politica di Fidel, anche questo, da sempre.

Provate a far funzionare il vostro smartphone a Cuba

Passato il potere nelle mani di Canel, che pare assai più incline ad una gestione “aperta” delle cose in confronto ai due predecessori, lasciando stare Fidel, sembra anche molto distante da Raul. Fratello dello storico leader, mai veramente amato dalla popolazione, ha sempre spinto per un governo basato su una gestione “più morbida delle cose” ma senza successo. Un paese che comunque guarda al futuro, e tutte le migliaia di “cuentapropistas”, frutto delle prime liberalizzazioni, si stanno a poco a poco ritagliando un importante ruolo nella società cubana, e questa volta come lavoratori autonomi.

Cellulari per tutti. A Cuba è comunque innegabile un inizio di benessere, e pertanto tutti i cubani adesso possiedono almeno un telefonino. Il problema, il paradosso, è che però quando questi nuovi fautori della telefonia mobile vengono chiamati da un telefono fisso quasi mai rispondono, come mai? Il perchè è semplice nessun piano tariffario dell’isola permette di fuggire allo scatto alla risposta di 21 cent, ostacolo insuperabile tuttora per la maggior parte della popolazione.

La chimera di internet. La connessione a Cuba è un po’ come l’acqua nel deserto. Chi ce l’ha, possiede un qualcosa di davvero prezioso. Lo Stato si è prodigato nel creare 120 nuovi punti di accesso nella capitale ma ancora la possibilità di una connessione buona per tutti è un sogno di quelli irraggiungibili. Ogni cittadino cubano può comunque possedere liberamente un account per ricevere la posta elettoronica, di più, sarebbe chiedere troppo.

Navigano i più ricchi. Sì a Cuba non è uno scherzo di cattivo gusto, ma un cittadino “medio” non ha nessuna convenienza a navigare. Certo la connessione è talmente scarsa in tutto il paese che se ne potrebbe fare a meno, soltanto medici e giornalisti hanno un vero e proprio permesso per potere accedere ad alcune informazioni e servizi via web, gli altri se proprio vogliono non possono far altro che acquistare una tessera apposita che si vende presso i grandi alberghi. Il costo di due ore di utilizzo è 14 dollari, peccato che un medico in media ne guadagni circa 300 al mese.

Confronta Offerte Internet Mobile»

Commenti Facebook: