Internet delle cose, anche i distributori automatici saranno più smart

L’Internet delle cose non sembra voler risparmiare alcun oggetto. Soprattutto se si tratta di un elemento fondamentale in alcuni settori dell’economia e, oltre tutto, se si considera che alcuni importanti passi in avanti sarebbero già stati compiuti negli ultimi mesi.

Vending machines nell'Internet delle cose: boom in tutto il mondo
Vending machines nell'Internet delle cose: boom in tutto il mondo

Il settore del quale parliamo è quello delle c.d. “vending machines“, o distributori automatici, la cui base installata totale di quelle connesse è cresciuta del 18,4% nel 2014 per un totale di 1,16 milioni di unità. Del totale, quasi il 50% (0,56 milioni) è stata installata negli Stati Uniti e in Canada, mentre solamente 150 mila si trovano in Europa. La rimanente parte si trova invece all’interno dei territori di Giappone, Australia e, in misura più ridotta, negli altri territori sopra non contemplati.

Confronta offerte Internet mobile

Sempre secondo quanto rivela l’ultimo studio di Berg Insight in proposito, il numero di vending machines connesse con Internet mobile crescerà in tutto il mondo con un tasso composito del 18,5% per raggiungere 2,7 milioni di unità nel 2019. Pertanto, il tasso di penetrazione mondiale arriverà al 15,3% tra quattro anni, con ciò che ne conseguirà sul fronte dell’acquisita maggiore efficienza economica da parte degli operatori del settore, che potranno usufruire di nuovi livelli di ottimizzazione dei propri investimenti nel comparto.

Commenti Facebook: