Impieghi privati oltre il 60% dell’attivo bancario

Secondo quanto affermano gli ultimi risultati diffusi all’interno dell’Osservatorio European Banking Report (EBR) dell’Ufficio Analisi Economiche dell’Abi, gli impieghi al settore privato rappresenterebbero oltre il 60% del totale degli attivi dei principali gruppi bancari nazionali, contro una media europea del 38,5%.

Crescono del 23% gli utenti abituali del commercio digitale
Crescono del 23% gli utenti abituali del commercio digitale
Richiedi un preventivo per il tuo prestito

Il lavoro del team di ricerca, pertanto, dimostra come – nonostante la crisi e nonostante le apparenze – il modello dei gruppi bancari italiani sia ancora fortemente improntato su quello di banca commerciale, con propensione alla raccolta al dettaglio con conti correnti e altri strumenti di risparmio dei privati, e alle erogazioni nei confronti di famiglie e imprese. Di contro, nel resto d’Europa la propensione delle banche agli investimenti finanziari è molto più elevata di quella del BelPaese, con impieghi privati su attivi in grado di scendere addirittura al 30% per i gruppi francesi e tedeschi.

Confronta i migliori conti »

Ancora, la ricerca evidenzia come le attività finanziarie rappresentino il 26% del totale dell’attivo in Italia e il 41% in media in Europa, contro il 50% dei maggiori gruppi di Francia e di Germania. La raccolta diretta è oltre il 61% del passivo contro il 49% della media europea e il 40% di Francia e Germania.

Commenti Facebook: