Iliad e distributori automatici di SIM nei supermercati: come funzioneranno

Il nuovo operatore di telefonia mobile Iliad si prepara a debuttare sul mercato italiano. L’attività commerciale dell’operatore dovrebbe iniziare, di fatto, nel corso del mese di marzo o, al massimo, ad aprile. In queste ultime ore emergono nuovi dettagli su una delle caratteristiche principali della rete commerciale di Iliad, i distributori automatici di SIM nei supermercati. Ecco come funzioneranno secondo le prime indiscrezioni. 

Iliad si prepara al debutto sul mercato italiano

Per raggiungere nel minor tempo possibile i clienti italiani, il nuovo operatore di telefonia mobile Iliad punta a creare una rete commerciale costituita da distributori automatici di SIM sparsi in tutto il territorio nazionale. Tale rete nascerà con il supporto di almeno due importanti aziende della grande distribuzione. Come riporta Affari & Finanza, Iliad avrebbe già siglato un accordo con Auchan, uno dei brand più importanti del settore che può contare su di una capillare rete di supermercati.
Scopri le migliori offerte per smartphone

Grazie a questo sistema di distributori automatici di SIM, Iliad potrà sopperire all’assenza di una rete di negozi fisici. L’obiettivo dell’azienda è quello di semplificare, al massimo, l’acquisto e l’attivazione delle SIM ai clienti. Oltre ai distributori automatici sparsi in tanti supermercati italiani, Iliad venderà le sue tariffe anche tramite Internet ed, in particolare, tramite il suo sito ufficiale con consegna a casa del cliente della nuova SIM.

Come funzioneranno i distributori automatici di SIM

In Francia, dove Iliad è presente con il marchio Free Mobile, il sistema dei distributori automatici di SIM è attivo da tempo e si è diffuso grazie ad una normativa meno stringente rispetto a quella italiana. Gli utenti francesi per attivare una nuova SIM da uno dei distributori automatici di Free Mobile devono, infatti, utilizzare una carta di credito o una carta di debito.

In Italia, invece, la situazione è differente in quanto per completare l’attivazione è necessario fornire un documento di identificazione. Si tratta di una procedura più articolata che serve per garantire la corretta acquisizione dei dati anagrafici del titolare della SIM che può avvenire per via cartacea o digitale. Il distributore automatico di SIM, chiaramente, non potrà essere in grado di identificare l’acquirente della SIM stessa.

Iliad, quindi, dovrebbe essere a lavoro su di un sistema inedito, probabilmente a più step, che garantisca la possibilità di identificazione, anche per via telematica, dell’acquirente della SIM in modo rapido. Il compito dei distributori automatici sarà quello di velocizzare l’acquisto della SIM e delle relative tariffe, che promettono di essere particolarmente vantaggiose, da parte degli utenti.

Commenti Facebook: