Il Tesoro avvia la cessione del 5,7% di Enel

È stata lanciata nella giornata di ieri la cessione da parte del Ministero del Tesoro di una quota pari al 5,7% di Enel, nell’ottica dell’annunciata privatizzazione della società. In totale si parla di 540 milioni di azioni; l’operazione verrà realizzata tramite un bookbuilding accelerato e grazie al supporto di quattro banche, Goldman Sachs, Bofa Merril Lynch, Mediobanca e Unicredit, per selezionare una rosa qualificata di investitori che siano disponibili ad acquistare il titolo a un determinato prezzo.

Enel-ICT
L'incasso atteso per l'operazione si aggira intorno ai 2,2 miliardi

Questa mattina dovrebbe concludersi la cessione, con le banche che hanno contattato i maggiori investitori, sia europei che d’oltreoceano. Il range di prezzo di vendita proposto non può essere inferiore ai 4 euro (la soglia minima fissata dal ministero dell’economia). Alla conclusione dell’operazione, la quota di Enel ancora in possesso del Ministero scenderà al 25,54% dal 31,2%.

L’incasso atteso per le 540.116.400 azioni ordinarie è di 2,2 miliardi, anche basandosi sulla chiusura di ieri del titolo Enel, leggermente superiore alla soglia stabilita dal ministero.
Scopri Semplice Luce Enel
Dopo Enel, toccherà probabilmente ai grandi nodi di Poste Italiane e Ferrovie, con il Ministero che solo pochi giorni fa ha confermato l’intenzione di aprire il capitale di entrambe le società entro il 2015, anche se solo a condizioni di mercato tali da consentire guadagni adeguati per lo Stato.

Commenti Facebook: