Gli anziani utilizzano l’home banking

I sessantenni sono sempre più attivi su internet: oltre a utilizzare i motori di ricerca (Google in primis), sfogliano i giornali online, utilizzano i servizi di boooking sui viaggi e hotel, utilizzano i canali di video sharing (YouTube) ed effettuano operazioni di home banking,

L’home banking, rivela l’ultima indagine dell’Associazione Banche Italiane ABI, è raddoppiato tra la fascia degli over 55 anni (arrivando a toccare 1/5 degli utenti).

Dal 2002 al 2009 i clienti che usano il canale internet è passato dall’11% al 30%: l’e-banking, utilizzato in prevalenza dai giovani ha potuto ampliare i proprio orizzonti grazie alla semplificazione dei processi e dell’interfaccia permettendo anche alle persone anziane di consultare e gestire il proprio conto, pagare bollette e multe, fare bonifici e molto altro ancora.

I giovani rimangono comunque in vetta tra gli utilizzatori (il 35% dei clienti ha meno di 35 anni con un trend stabile), i clienti over60 rappresentano la fascia di utenza che ha il più alto tasso di crescita: nel 2008 segnava il 16% sul totale e ad oggi si è arrivati sino al 25%.

Gli utilizzatori della banca online hanno un’istruzione elevata: circa il 48% ha il diploma di media superiore e il 20% è laureato.
L’home banking è utilizzato soprattutto dagli uomini (75%) ma è in aumento l’utilizzo da parte del pubblico femminile.

I clienti sono sempre più inter-canale: il 76% utilizza sia canali fisici che quelli alternativi (es: Internet, Telefono o ATM). Il trend è chiaro: +17% negli ultimi anni a dimostrazione che internet rende le cose semplici, veloci e soprattutto sicure.

ni sono sempre più attivi su internet: oltre a utilizzare i motori di ricerca (Google in primis), sfogliano i giornali online, utilizzano i servizi di boooking sui viaggi e hotel, utilizzano i canali di video sharing (YouTube) ed effettuano operazioni di home banking,

L’home banking, rivela l’ultima indagine dell’Associazione Banche Italiane ABI, è raddoppiato tra la fascia degli over 55 anni (arrivando a toccare 1/5 degli utenti).

Dal 2002 al 2009 i clienti che usano il canale internet è passato dall’11% al 30%: l’e-banking, utilizzato in prevalenza dai giovani ha potuto ampliare i proprio orizzonti grazie alla semplificazione dei processi e dell’interfaccia permettendo anche alle persone anziane di consultare e gestire il proprio conto, pagare bollette e multe, fare bonifici e molto altro ancora.

I giovani rimangono comunque in vetta tra gli utilizzatori (il 35% dei clienti ha meno di 35 anni con un trend stabile), i clienti over60 rappresentano la fascia di utenza che ha il più alto tasso di crescita: nel 2008 segnava il 16% sul totale e ad oggi si è arrivati sino al 25%.

Gli utilizzatori della banca online hanno un’istruzione elevata: circa il 48% ha il diploma di media superiore e il 20% è laureato.
L’home banking è utilizzato soprattutto dagli uomini (75%) ma è in aumento l’utilizzo da parte del pubblico femminile.

I clienti sono sempre più inter-canale: il 76% utilizza sia canali fisici che quelli alternativi (es: Internet, Telefono o ATM). Il trend è chiaro: +17% negli ultimi anni a dimostrazione che internet rende le cose semplici, veloci e soprattutto sicure.

Commenti Facebook: