Furto di identità: lo subisce il 13% degli italiani

Secondo quanto afferma uno studio condotto dalla compagnia DAS, del gruppo Generali, e riportato sull’Adnkronos, il 22,3% degli italiani afferma di essere stato colpito da un reato su internet, e il 13,3% ha affermato di aver subito una violazione del proprio account di posta elettronica o di social network.

Il 13% degli italiani afferma di aver subito un furto di identità
Il 13% degli italiani afferma di aver subito un furto di identità

È proprio il furto di identità sul web mediante i social network ad essere il rischio più percepito, subito dopo il timore che qualcuno possa accedere ai propri dati finanziari per poter effettuare degli acquisti online (44%), o che utilizzi comunque i propri dati personali per poter compiere delle frodi (35%). È invece lievemente più bassa la percentuale di coloro che temono di subire effetti sgraditi derivanti dalla violazione del proprio conto corrente online (35%).

Confronta le offerte ADSL»

Di qui la necessità di predisporre delle adeguate procedure di protezione nei confronti di tali pericoli. Non è un caso che la DAS, così come molte altre società assicurative, stiano predisponendo dei prodotti sempre più specifici e completi per rassicurare la propria clientela contro i rischi di furto di identità digitale, proponendosi pertanto come servizi di assistenza dedicata (legale, e non solo) e di copertura dei pregiudizi monetari eventualmente subiti.

Commenti Facebook: