Franchigia e scoperto Rc auto: differenze

L’assicurazione Rca, oltre ad essere obbligatoria, è l’unico strumento a disposizione degli automobilisti per ottenere il risarcimento dei danni al veicolo e alle persone in caso di sinistro. Nel contratto di polizza auto però, possono coesistere franchigia e scoperto, le cui differenze e modalità di applicazione incidono (e non poco) sull’entità della liquidazione. Meglio conoscerli da vicino per evitare sorprese. Ecco le loro caratteristiche

Risarcimento a carico dell'assicurato. Come leggere il contratto di polizza per non rischiare

Mai sentito parlare di franchigia e scoperto? Esistono differenze importanti fra questi due elementi del contratto assicurativo, il cui nome già di per sé  (“scoperto” soprattutto) non è molto rassicurante. Conoscendone le caratteristiche però, è possibile acquistare una nuova Rc auto in modo sereno e senza sorprese. Tanto il primo quanto il secondo infatti, impongono all’assicurato di farsi carico del risarcimento, secondo modalità e importi diversi. Ecco come scegliere le assicurazioni più economiche da tutti i punti di vista.
Confronta assicurazioni auto

Franchigia e scoperto Rc auto: differenze

La franchigia è una somma fissa calcolata sull’importo assicurato e rappresenta la quota che, in caso di sinistro con colpa, il cliente deve sostenere a titolo di risarcimento. La compagnia assicurativa risarcisce l’importo restante per entità diverse, a seconda che sia stata sottoscritta una franchigia relativa o una di tipo assoluto. Se è fissata una franchigia relativa di tot. importo (ex. 300 Euro), il cliente -in caso di incidente con responsabilità- dovrà versare la somma corrispondente solo il valore del danno è inferiore alla franchigia stabilita (ex. franchigia 300 Euro, danno 250 Euro): se superiore l’indennizzo è interamente a carico della compagnia.
Confronta preventivi RC auto
Sottoscrivendo la franchigia assoluta invece, a seconda dell’importo stabilito, l’assicurato dovrà sempre e unicamente quella somma, che rimane invariata rispetto all’importo del danno (ex. franchigia 300 Euro, danno 1.000 Euro o 5.000 è indifferente). Quali sono invece le differenze tra franchigia e scoperto?

Lo scoperto non viene calcolato su di una somma fissa prestabilita ma sul danno, per questo la sua entità non può essere conosciuto (come avviene per la franchigia) in anticipo, ma viene stabilito di volta in volta in base al valore del risarcimento. A differenza della franchigia è espresso in percentuale, sarà possibile conoscere l’importo a proprio carico dunque solo dopo la perizia sul danno provocato.

Lettura del contratto assicurativo: consigli

Visti la franchigia, lo scoperto e le differenze tra i due, è importante sapere che entrambi possono essere presenti nel contratto assicurativo. Per questo solo l’attenta lettura dei documenti di polizza potrà fra comprendere l’effettiva convenienza dell’offerta Rc auto proposta.

Commenti Facebook: