Fastweb e l’Abruzzo, accordo contro il digital divide

Accordo firmato tra la Regione Abruzzo e Fastweb per la banda ultralarga. L’obiettivo è ambizioso: eliminare il digital divide entro un anno. Il progetto prevede l’ampliamento, la gestione e la manutenzione, da parte di Fastweb, dell’anello in fibra ottica di proprietà della Regione.

Fastweb-Abruzzo
Digital divide abbattuto entro un anno, secondo i progetti della Pubblica Amministrazione

Fastweb si occuperà di interconnettere i sette punti d’accesso alla rete regionale, e cioè i pop di Teramo, Pescara, Chieti, L’Aquila, Avezzano, Sulmona, Tortoreto. Le velocità previste sono di tutto rispetto, tra 1 e 8 giga al secondo, per una piattaforma che dapprima collegherà tutte le sedi regionali e poi raggiungerà anche Province e Comuni.
Confronta le offerte Fastweb
Secondo l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Alfredo Castiglione, l’accordo rappresenta un importante passo avanti verso una regione “smart” e un rapporto diverso dei cittadini con la Pubblica Amministazione: «La Regione Abruzzo crede nei temi dell’innovazione e non ha mai smesso di investire in servizi oltre che in infrastrutture. Del resto l’obiettivo della nostra Amministrazione è quello di puntare a diventare una regione smart. Per queste ragioni abbiamo investito in abbattimento del digital divide e nella realizzazione di servizi innovativi finalizzati a semplificare il rapporto tra PA, imprese e cittadini al fine di dare efficienza all’intero sistema Abruzzo». Gli fa eco il presidente Gianni Chiodi, che fa notare il salto dal 7% di popolazione con accesso alla banda larga dello scorso anno e la possibilità, entro il 2014, di un’infrastruttura di rete di cui beneficeranno non solo enti pubblici ma anche imprese e cittadini, grazie a servizi tipici delle smart cities.

Commenti Facebook: