Expo 2015 e la domanda di connettività a banda larga

Sono attesi oltre 20 milioni di visitatori per Expo 2015, l’Esposizione Universale che andrà in scena dal 1° maggio al 31 ottobre in un’area nel settore nord-ovest di Milano, una superficie di circa 1,1 milioni di metri quadrati comprendente parte del territorio delle città di Pero e Rho. Per soddisfare la domanda di connettività a banda larga, sono scese in campo Telecom Italia ed Ericsson. Riflettori puntati anche sulle tecnologie di trasmissione dati su ponti radio sviluppate da Alcatel-Lucent

La domanda di connettività a banda larga per Expo 2015
Il traffico dati generato da PC, dispositivi mobili e oggetti aumenterà in maniera esponenziale

Expo 2015 prenderà avvio il 1° maggio prossimo per concludersi il 31 ottobre. L’Italia ha scelto il tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” per l’Esposizione Universale. Più di 140 sono i Paesi e le organizzazioni internazionali coinvolte, pronte per confrontarsi con il problema del nutrimento dell’uomo e della Terra e con le principali sfide dell’umanità.

 

Per Expo 2015 S.p.A., la società che organizza l’Esposizione Universale, una delle sfide consiste anche nel soddisfare la domanda di connettività a banda larga. Si attendono oltre 20 milioni di visitatori e si prevede, pertanto, un aumento esponenziale del traffico dati generato da smartphone, tablet, personal computer e altri dispositivi (e oggetti).

Confronta offerte ADSL

Telecom Italia e il suo braccio mobile TIM sono in campo per far fronte all’onda d’urto prevista in materia domanda di connettività a banda larga. Il gruppo di telecomunicazioni ha siglato un accordo con Ericsson per la fornitura di servizi di rete mobile e soluzioni innovative basati sulle reti 4G LTE e 3G.

Confronta offerte Internet Mobile

«Le soluzioni di Ericsson saranno impiegate da Telecom Italia per contribuire allo sviluppo della prima Smart City del futuro, sostenibile e intelligente, di cui il sito espositivo di Expo 2015 sarà un esempio», informava un comunicato stampa diffuso lo scorso novembre.

Telecom Italia è Integrated Connectivity and Services Partner di Expo 2015 e si sta occupando della realizzazione della Digital Smart City attraverso la dotazione di infrastrutture di rete fissa, mobile e IT (Information Technology) e l’erogazione dei servizi di connettività e traffico relativi a fonia e dati.

Ericsson si è impegnata a fornire a Telecom Italia soluzioni avanzate di rete mobile (Radio Access Network e Core). «L’infrastruttura realizzata dovrà garantire ai visitatori giornalieri e alle migliaia di persone impegnate nelle attività di ricezione e assistenza, la necessaria copertura mobile e tutte le esigenze di connettività», aggiungeva la nota stampa.

In campo dovrebbe scendere anche Alcatel-Lucent, con una versione avanzata del sistema di trasmissione su ponti radio 9500 MPR (Microwave Packet Radio), stando a quanto riferito dall’agenzia di stampa Adnkronos.

«Il 9500 MPR incrementa di otto volte la capacità trasmissiva con un terzo dell’ingombro dei sistemi sin qui adottati, rispondendo così alla domanda di connettività a banda larga su lunghe distanze, per servizi tradizionali così come per quelli basati su IP, tra questi il video su IP e il 4G LTE», si legge in un comunicato stampa di Alcatel-Lucent datato 23 settembre 2013.

A spiegare ad Adnkronos le potenzialità del sistema 9500 MPR è stata Morena Ferrario, Research & Development Center Manager della divisione Wireless Transmission di Alcatel-Lucent. Con la tecnologia in oggetto, «adottiamo tecniche algoritmiche che consentono di far passare il doppio dei dati in più».

Commenti Facebook: