Energia: bolletta luce in calo, bolletta gas in aumento

I prezzi di riferimento dell’energia elettrica diminuiranno dello 0,2% dal 1° gennaio 2011, mentre quelli per il gas subiranno un aumento dell’1,3%. Lo rende noto l’Autorità per l’energia elettrica e il gas, spiegando che a incidere su entrambi i settori è il forte aumento delle quotazioni del petrolio, schizzate a +32,4% negli ultimi 12 mesi.

Bolletta luce meno cara, dunque, per i consumatori italiani. Grazie alla concorrenza sui prezzi all’ingrosso che riesce a limitare i danni generati dagli aumenti dei prezzi petroliferi e dagli oneri per il sostegno delle fonti rinnovabili, evidenzia Aeeg.

I sussidi per i pannelli fotovoltaici e i certificati verdi sono interamente a carico della bolletta elettrica, spiega l’Authority, e senza il loro crescente impatto il calo della spesa sarebbe stato più consistente. I prezzi torneranno in ogni caso a livelli inferiori a quelli di fine 2006 e la spesa media annua nel 2011 sarà di 420 euro, con un risparmio di 7 euro a famiglia.

luce_e_gas

Per il gas, invece, la spesa media delle famiglie italiane sarà di circa 1.050 euro nel 2011, in aumento rispetto ai 1.013 euro del 2010 e dei 1.014 euro del 2009. A pesare sull’andamento dei costi della bolletta gas, spiega il presidente di Aeeg Alessandro Ortis, sono ancora la scarsa concorrenza e i ritardi nello sviluppo infrastrutturale. Di fatto, i consumatori italiani e le imprese non possono beneficiare a prezzi convenienti dell’offerta gas internazionale spot.

La bolletta gas sarebbe stata più onerosa senza il contenimento determinato dal nuovo metodo di calcolo per la materia prima gas che l’Autorità ha deciso di applicare dal 1° ottobre 2010, si legge in una nota stampa di Aeeg. Secondo le stime dell’Authority, in assenza di tale provvedimento la bolletta gas sarebbe risultata superiore del 3,3% rispetto a quella ora tendenziale per il 2011.

Da segnalare, infine, l’aumento dei prezzi del GPL distribuito in rete, che saranno fissati in una prossima delibera.

Commenti Facebook: