Efficienza energetica: la Svizzera introduce nuove categorie di consumo degli elettrodomestici

Elettrodomestici con miglior efficienza energetica, riduzione nel consumo di elettricità: per il Governo elvetico il risparmio energetico è prioritario. Così lo ha stabilito il Consiglio Federale per il recepimento della Direttiva Europea 2011/65, e riferito poi dall’Ufficio Federale dell’Energia (UFE) in Svizzera.

In questo modo, a partire dal 1° gennaio 2012 si prevedono nuove e più rigidi prescrizioni in materia di efficienza energetica dei dispositivi elettrici, e saranno stabilite inoltre nuove categorie di classi energetiche per le etichette di alcuni elettrodomestici, quali frigoriferi, congelatori, televisori, decoder, lavatrici e lavastoviglie, rispettando però le norme dell’Unione Europea in vigore.

L’obiettivo di queste nuove norme? Secondo quanto riferito dall’UFE, “le nuove prescrizioni dovrebbero consentire di risparmiare, entro il 2020, 1,35 miliardi di chilowattora, corrispondenti a tre volte il consumo annuo di energia elettrica del Cantone di Sciaffusa.”

Che fine faranno gli apparecchi elettrici non conformi alla nuova norma? Il Governo della Svizzera ha previsto, inoltre, che la commercializzazione dei dispositivi elettrici che non siano in grado di soddisfare le nuove prescrizioni, sarà consentita soltanto per altri sei mesi, e venduti nei negozi al dettaglio per un tempo massimo di due anni a decorrere dal 1° gennaio 2012. Trascorso questo periodo, tutti gli elettrodomestici e dispositivi non conformi dovranno essere ritirati dal mercato.

Commenti Facebook: