Detrazioni fiscali, novità sul bonus energia

Arrivano delle novità in materia di detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici. In particolare, il tempo per recuperare il bonus energia della detrazione fiscale del 55% è raddoppiato, passando da 5 a 10 anni.
Confronta Tariffe Energia Elettrica

Secondo quanto prevede Unico 2012, come si legge in un articolo di Repubblica, la detrazione fiscale del 55% passerà da 5 a 10 anni di annualità di uguale importo.

Quasi tutti possono accedere a bonus energia, siano persone fisiche (esercenti arti e professioni inclusi), società di capitali, società di impresa, associazioni, enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciali.

Tuttavia, secondo quanto prevede la risoluzione N°340/2008 dell’Agenzia delle Entrate, il bonus energia non può essere sollecitato per immobili locati a terzi e, in particolare, per quelli messi in affitto da società immobiliari.

Di conseguenza, questa agevolazione fiscale è rivolta unicamente a chi usa gli immobili su i quali vengono fatti gli interventi di riqualificazione energetica.

Nello specifico, nel caso delle imprese, il bonus energia può essere usato per gli interventi che si eseguono sui fabbricati “strumentali”, ovvero gli edifici impiegati per l’attività imprenditoriale dei titolari di reddito di impresa.

L’agevolazione può essere usufruita anche da chi finanzia l’intervento attraverso un contratto di leasing.

La detrazione del 55% consente di diminuire alcune altre imposta, quali l’Irpef e la Gres -imposta sul reddito delle società.

Le tipologie di interventi per i quali si può fare richiesta dell’agevolazione sono 4:

  • gli interventi di riqualificazione “globale”;
  • interventi sull’involucro degli edifici;
  • installazione di pannelli fotovoltaici per la produzione di acqua calda, tanto per usi industriali come domestici;
  • interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.

Commenti Facebook: