Google testa Android sul decoder tv Digitale

Google sta realizzando alcuni test con Android per effettuare ricerche video attraverso internet e i decoder tv Digitali.

Il fine ultimo dell’azieda di Mountain View potrebbe essere riuscire a proporre contenuti video relamente on demand e provenienti da diverse fonti. Le implicazioni a livello di targettizzazione della pubblicità sarebbero molto rilevanti, portando a una svolta nel settore televisivo.

A portare alla luce i piani di Google è stato il Wall Street Journal, che cita fonti coinvolte direttamente nell’operazione.
Google ha stretto una partnership con Dish Network, il secondo operatore televisivo satellitare degli Stati Uniti, per equipaggiare i set-top box con il sistema operativo Android ed effettuare ricerche di contenuti video all’interno dei canali del network e su internet. In questo modo si potrebbe creare un palinsesto personalizzato che integri video da youtube a contenuti on trasmessi da Dish Network, contenuti sull’hard disk del dispositivo, o addirittura da web tv.

realizzando alcuni test con Android per effettuare ricerche video attraverso internet e i decoder tv Digitali.

Il fine ultimo dell’azieda di Mountain View potrebbe essere riuscire a proporre contenuti video relamente on demand e provenienti da diverse fonti. Le implicazioni a livello di targettizzazione della pubblicità sarebbero molto rilevanti, portando a una svolta nel settore televisivo.

A portare alla luce i piani di Google è stato il Wall Street Journal, che cita fonti coinvolte direttamente nell’operazione.
Google ha stretto una partnership con Dish Network, il secondo operatore televisivo satellitare degli Stati Uniti, per equipaggiare i set-top box con il sistema operativo Android ed effettuare ricerche di contenuti video all’interno dei canali del network e su internet. In questo modo si potrebbe creare un palinsesto personalizzato che integri video da youtube a contenuti on trasmessi da Dish Network, contenuti sull’hard disk del dispositivo, o addirittura da web tv.

Commenti Facebook: