Ddl concorrenza 2017: cosa cambia su assicurazioni e utenze

Approda in Senato il nuovo Ddl Concorrenza che, con 78 articoli, punta a introdurre nuove misure per aumentare la concorrenza e tutelare i consumatori. In attesa del voto finale, vediamo quali sono le principali novità in arrivo per le assicurazioni e le utenze. 

Tutte le novità introdotte dal Ddl Concorrenza

Il nuovo Ddl Concorrenza si appresta a ricevere il voto di fiducia al Senato per poi tornare alla Camera, a distanza di 19 mesi dalla prima approvazione, per la terza e definitiva lettura. Le novità che questo nuovo Ddl porterà al settore assicurazioni e utenze sono numerose. Ecco tutti i dettagli:

Assicurazioni

Partiamo dalle assicurazioni e da tutte le novità in arrivo per i clienti italiani. Agli automobilisti saranno garantite tariffe più basse nel caso in cui venga installata la scatola nera sulla vettura da assicurare. Allo stesso modo saranno previsti sconti nel caso in cui l’automobilista permetta alla compagnia assicurativa di controllare lo stato di salute dell’auto.

Una terza possibilità di risparmio sarà garantita a tutti gli automobilisti che faranno installare un dispositivo che impedisce al conducente di accendere il motore nel caso abbia bevuto troppo alcol. Per le compagnie assicurative che non applicheranno questi sconti sono previste multe da 10 a 80 mila Euro.

L’attuazione effettiva di queste nuove possibilità di sconto dipenderà dall’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, che avrà il compito, nell’immediato futuro, di redigere un regolamento interno che chiarisca tutti gli aspetti della questione e le effettive possibilità di risparmio per gli utenti.
Scopri le assicurazioni auto più vantaggiose

Per combattere la piaga dei falsi testimoni in caso di incidenti stradali con danni solo a cose e non alle persone, sarà necessario comunicare i nomi dei testimoni da presentare già al momento della denuncia del sinistro o, in ogni caso, nel primo atto formale presentato all’assicurazione.

E’, inoltre, prevista una banca dati dei sinistri che aiuterà a smascherare i “testimoni di professione”. Durante il processo civile, il giudice potrà segnalare alla Procura i testimoni che compaiono in più di tre incidenti negli ultimi 5 anni.

Tra le novità per il settore RC Auto, inoltre, segnaliamo l’introduzione di una nuova norma che vieta il rinnovo tacito di tutte le polizze assicurative del ramo danni di ogni tipologia alla loro scadenza.

In tema di trasparenza, invece, il nuovo Ddl Concorrenza impone agli agenti assicurativi di comunicare agli automobilisti tutte le tariffe delle compagnie per le quali lavorano in modo che il cliente possa scegliere, liberamente, la più conveniente. Il contratto assicurativo potrà essere annullato senza la presenza di un documento che attesti che il cliente ha ricevuto tutte le informazioni previste. Tale documento andrà sottoscritto dal cliente stesso.

Telefonia

Per quanto riguarda la telefonia (oltre che la pay tv) è, invece, previsto un nuovo obbligo per gli operatori che dovranno comunicare al cliente quali spese affronterà nel caso decida di passare a un altro operatore. Non potranno, inoltre, essere incluse spese di uscita superiori ai costi reali sopportati (tali costi dovranno essere comunicati all’AGCOM dagli operatori). Il cambio operatore e il recesso di un contratto potranno essere effettuati per via telematica.

Da notare, inoltre, che i nuovi contratti telefonici che includono offerte promozionali di servizi o beni (ad esempio uno smartphone a rate) non potranno avere una durata superiore ai 24 mesi. Ad oggi, in moltissimi casi, tali offerte promozionali prevedono una durata di 30 mesi. Anche in questo caso, gli operatori dovranno adeguarsi.

Il consumatore, inoltre, dovrà dare un consenso “espresso e documentato” in merito all’attivazione di qualsiasi tipo di servizio in abbonamento. In questo modo i casi di addebiti indesiderati dovrebbero ridursi al minimo.
Scopri le migliori offerte per smartphone

Per quanto riguarda le chiamate a sovrapprezzo, invece, la fatturazione delle stesse dovrà iniziare solo alla risposta dell’operatore. I tempi d’attesa saranno gratuiti. Per le chiamate ai servizi d’assistenza di banche, assicurazioni e società di carte di credito, inoltre, la tariffa ordinaria urbana dovrà essere estesa anche ai cellulari a differenza di quanto avviene ora.

Passiamo ora ai Call Center. Le società che vorranno trasferire un Call Center in un Paese straniero non appartenente all’Unione Europea dovranno inviare una comunicazione al Ministero del Lavoro con almeno 120 giorni d’anticipo. Sono previste sanzioni anche molto pesanti per tutte le aziende che non effettueranno le dovute comunicazioni secondo le tempistiche prescritte.
Confronta tutte le offerte ADSL e fibra

Tutte le altre novità

Il Ddl Concorrenza sancisce la fine del regime di maggior tutela per quanto riguarda il mercato dell’energia elettrica e del gas naturale. Come confermato nelle scorse settimane, il regime tutelato terminerà a partire dal primo luglio del 2018, tra poco più di un anno. Per quanto riguarda l’energia elettrica, verrà introdotto un nuovo “servizio di salvaguardia” destinato a tutte le famiglie e alle PMI.

Il nuovo Ddl stabilisce che a partire dal prossimo 10 giugno 2017, Poste Italiane non avrà più l’esclusiva sulle notifiche di atti giudiziari e multe. Viene, inoltre, incrementato il numero di Notai, che passa da uno ogni 7 mila abitati ad uno ogni 5 mila abitanti. Parte anche l’anagrafe per gli impianti per benzina, diesel, gpl e metano. I gestori degli impianti irregolari avranno un anno di tempo per mettersi in regola. Chi non potrà farlo dovrà smantellare la struttura.

Novità anche per le strutture alberghiere, che potranno offrire tariffe più vantaggiose al cliente rispetto alle offerte online, per le farmacie, che potranno fare capo a società di persone, società di capitali e società cooperative a responsabilità limitata, e per i pagamenti digitali che potranno essere utilizzati per acquistare biglietti per musei e eventi culturali.

Commenti Facebook: