Costo servizi e utenze 2019: tutti gli aumenti di settembre, lo studio di SosTariffe.it

Il mese di settembre prende il via con una lunga serie di rincari tariffari per le famiglie italiane. Dalle utenze alla polizza RC Auto passando per i costi dei prodotti bancari, per gli utenti il rientro dalle vacanze è accompagnato da un forte incremento delle spese periodiche. L’ultimo studio di SosTariffe.it ha analizzato l’oscillazione dei costi medi annui di tutti i servizi del suo comparatore andando a confrontare i prezzi rilevati a gennaio con i prezzi di settembre. Il risultato è una vera e propria pioggia di rincari con aumenti per coppie, famiglie e single. 

Ecco i risultati dell'ultimo osservatorio di SosTariffe.it

Il nuovo osservatorio di SosTariffe.it ha analizzato l’andamento dei costi delle utenze, della polizza RC Auto e dei costi dei vari prodotti bancari con l’obiettivo di mettere in mostra le differenze nei prezzi tra il mese di gennaio ed il mese di settembre appena iniziato. I rincari registrati da SosTariffe.it colpiscono, in particolar modo, le  coppie (+7,94%) ed, in misura minore, le famiglie (+ 4,29%) ed i single (+ 4,05%).

A registrare una crescita più marcata sono i costi di telefonia mobile, che in media fanno registrare un incremento superiore al 28%, e i costi della polizza RC Auto, in aumento del 14,8% in media. In leggero calo, invece, i costi delle bollette del gas e della connessione Internet di casa che, in ogni  caso, non sono sufficienti a compensare la crescita di tutti gli altri servizi.

Lo studio di SosTariffe.it, condotto sul finire del mese di agosto 2019 sulla base dei preventivi e delle richieste pervenute tramite il comparatore del sito, ha tenuto conto delle migliori offerte di servizi pubblicate sul portale ed ha preso in esame tre profili di consumo diversi (single, coppia e famiglia).

I dati sulla spesa registrati sono poi stati messi a confronto con la precedente rilevazione risalente al mese di gennaio 2019 al fine di “fotografare” al meglio l’andamento dei prezzi di utenze e dei vari servizi andando così ad evidenziare l’incremento dei costi che devono affrontare i consumatori italiani.

Coppie, le più colpite dagli aumenti

Come evidenziato dallo studio di SosTariffe.it, le coppie sono il profilo più colpito dagli aumenti in arrivo con l’autunno. La spesa media complessiva per i vari servizi (luce, gas, internet domestico, telefonia mobile, Rc auto, pay tv e conti correnti) fa registrare una crescita del +7.94%. Rispetto al mese di gennaio, quando una coppia spendeva circa 3803 Euro per tutti i servizi considerati, a settembre la spesa complessiva è salita sino a 4105 Euro.

Crescono anche i costi per le famiglie, che passano da una spesa annuale di 6225 Euro registrata a gennaio ad una spesa complessiva di 6492 Euro rilevata nel corso del mese di settembre. La crescita percentuale, in questo caso, è del 4,29%. Per quanto riguarda i single, invece, si passa da 2409 Euro a 2506 Euro con una crescita percentuale del +4.05%. 

Luce e gas: le bollette dell’energia salgono, ma si risparmia sul gas

Con il mese di settembre si registra una crescita dei costi dell’energia elettrica. Per i single (fabbisogno annuo ipotizzato pari a 1400 kWh) la spesa media passa da 319 a 331 Euro con un incremento del 3.81%. Per le coppie (fabbisogno annuo ipotizzato pari a 2700 kWh), invece, si passa da 558 Euro a 569 Euro (+2,12%) mentre per le famiglie (fabbisogno energetico annuo pari a 3900 kWh) si registra un incremento dell’1.6% con una spesa complessiva che passa da 832 a 845 Euro.

A compensare, almeno in parte, gli aumenti di settembre, intervengono le bollette del gas che si fanno più leggere. In questo caso, infatti, per i single (fabbisogno energetico annuo pari a 800 m3 di gas) si passa da 679 a 635 Euro con un calo del 6.35%. Per le coppie (fabbisogno energetico annuo pari a 1000 m3) la spesa media passa da 837 a 781 Euro, con un calo del 6.6%. Per finire, le famiglie (fabbisogno energetico annuo stimato pari a 1500 m3) registrano una spesa complessiva in calo del -7.04% passando dai 1231 Euro di gennaio a 1144 Euro di settembre.

Internet di casa: aumenti per coppie e famiglie, i single risparmiano

Per quanto riguarda la connessione Internet di casa, si registrando andamenti contrastanti in base al profilo analizzato.

  • Single (abbonamento solo Internet): la spesa complessiva cala del -8.3% risultando pari a 330 Euro;
  • Coppie (abbonamento Internet con linea telefonica con scatto alla riposta): la spesa complessiva cresce del +9,2% risultando pari a 330 Euro;
  • Famiglie (abbonamento Internet con chiamate incluse): la spesa complessiva risulta stabile (-0.06%) intorno ai 407 Euro;

Telefonia mobile vero salasso dell’autunno: mega rincari all’orizzonte

Crescono, notevolmente, i costi delle tariffe di telefonia mobile. Ecco l’andamento dei costi per i vari profili considerati:

  • Single (pacchetto con almeno 1000 minuti, 300 SMS e 8 GB): spesa annuale di 311 Euro (+28,8%);
  • Coppie (pacchetto con almeno 400 minuti, 200 SMS e 5 GB): spesa annuale  di 623 Euro (+28,08%);
  • Famiglie (pacchetto con 1000 minuti, 300 SMS e 10 GB per un nucleo composto da 3 persone): spesa annuale di 935 Euro (+28,8%);

RC auto: stangata in arrivo per single e coppie

Rincari in vista anche per la polizza RC Auto, il cui costi medio fa registrare una sostanziale crescita per tutti i profili considerati. Ad esempio, un single trentenne alla guida di una Fiat Panda dovrà pagare sino a 623 Euro con una crescita del 14,51%. Per una coppia con due veicoli (uomo 35 enne con Fiat Panda e donna 30 enne con Smart ForTwo), la spesa complessiva è di 1276 Euro con una crescita del 14,8%.

Per quanto riguarda le famiglie, invece, l’incremento è meno contenuto. Ipotizzando un nucleo familiare composto da tre veicoli (Audi A4 guidata da un uomo di 55 anni, una Fiat Panda guidata da una donna di 50 anni ed una Smart ForTwo guidata da un neopatentato di 18 anni), la spesa annuale è di 2369 Euro con una crescita del +5,7%.

Pay TV: i rincari quasi impercettibili

Pochi cambiamenti, invece, per quanto riguarda i costi della pay TV. In questo caso, infatti, un singole con un abbonamento ad una piattaforma di streaming TV per vedere serie TV, cinema o calcio, paga 191 Euro all’anno con una crescita dell’1,28%. Situazione identica (+1,28%) per una coppia con due distinti abbonamenti (serie TV e cinema ed il secondo per il calcio) chepaga 383 Euro. Stabile la situazione per le famiglie con un abbonamento pay tv tradizionale (serie TV, intrattenimento, sport e calcio) che pagherà 603 Euro (+0.8%).

Conti correnti: tenere i soldi in banca costa soprattutto ai single

Per quanto riguarda i conti correnti, invece, si registra un aumento generalizzato dei costi. Il rincaro riguarda soprattutto i single, ipotizzando che questo profilo esegua molti movimenti online e nessuna operazione allo sportello. La spesa annuale cresce, in questo caso, del 12%. Per le coppie, con una tipologia di utilizzo simile, si registra una crescita del 9,16%. Per le famiglie, che eseguono più operazioni allo sportello, le spese sono solo in leggera crescita (+1.65%).

Commenti Facebook: