Conto corrente senza bollo? Possibile, ecco le offerte

Il confronto dei conti correnti proposto da SosTariffe permette di scoprire i conti a basso costo, con canone zero e zero spese di bollo.

Soprattutto i conti online offrono costi competitivi includendo anche numerose operazioni (addirittura in alcuni casi operazioni illimitate) gratuite se effettuate online o a fronte di un contributo fisso mensile se svolti attraverso i canali tradizionali.

L’attenzione alle pubblicità dei conti a zero spese deve essere maggiore per quanto riguarda l’imposta di bollo, spesso non esplicitata in modo chiaro e trasparente. Bisogna infatti ricordare che imposta di bollo incide annualmente per 34,20 euro e quindi è a parte rispetto le spese applicate dalla banca sul conto corrente.

Ecco i conti corrente senza imposta di bollo, anche se per alcuni conti bancari bisogna rispettare determinate condizioni per non pagare l’imposta annuale che viene sostenuta dell’Istituto bancario.

conto-corrente-senza-bollo

Il migliore è il Conto Corrente Arancio di Ing Direct che è a canone zero e senza imposta di bollo, che Ing Direct paga al posto dell cliente, se vengono rispettate almeno una delle seguenti condizioni:

– necessario accreditare sul conto lo stipendio o la pensione

– avere una giacenza trimestrale media pari a 3.000 euro

Per poter aprire il Conto Corrente Arancio è necessario però avere il Conto Arancio che è un conto di deposito ma non comporta spese o costi aggiuntivi. Per aprire Conto Arancio è necessario versare almeno 1 euro: non ci sono spese di apertura, zero spese di gestione e nessun costo di chiusura.

Da sottolineare che anche Monte dei Paschi di Siena offre il conto corrente ContoMolto con imposta di bollo gratuita anche se prevede un canone annuale di 120 euro. Esistono poi numerosi conti correnti per i minori di 18 anni che non sono soggetti a imposta di bollo.

conto-corrente-minori-senza-bollo

=”conti corrente a confronto” href=”http://sostariffe.it/conto-corrente/” target=”_blank”>confronto dei conti correnti proposto da SosTariffe permette di scoprire i conti a basso costo, con canone zero e zero spese di bollo.

Soprattutto i conti online offrono costi competitivi includendo anche numerose operazioni (addirittura in alcuni casi operazioni illimitate) gratuite se effettuate online o a fronte di un contributo fisso mensile se svolti attraverso i canali tradizionali.

L’attenzione alle pubblicità dei conti a zero spese deve essere maggiore per quanto riguarda l’imposta di bollo, spesso non esplicitata in modo chiaro e trasparente. Bisogna infatti ricordare che imposta di bollo incide annualmente per 34,20 euro e quindi è a parte rispetto le spese applicate dalla banca sul conto corrente.

Ecco i conti corrente senza imposta di bollo, anche se per alcuni conti bancari bisogna rispettare determinate condizioni per non pagare l’imposta annuale che viene sostenuta dell’Istituto bancario.

conto-corrente-senza-bollo

Il migliore è il Conto Corrente Arancio di Ing Direct che è a canone zero e senza imposta di bollo, che Ing Direct paga al posto dell cliente, se vengono rispettate almeno una delle seguenti condizioni:

– necessario accreditare sul conto lo stipendio o la pensione

– avere una giacenza trimestrale media pari a 3.000 euro

Per poter aprire il Conto Corrente Arancio è necessario però avere il Conto Arancio che è un conto di deposito ma non comporta spese o costi aggiuntivi. Per aprire Conto Arancio è necessario versare almeno 1 euro: non ci sono spese di apertura, zero spese di gestione e nessun costo di chiusura.

Da sottolineare che anche Monte dei Paschi di Siena offre il conto corrente ContoMolto con imposta di bollo gratuita anche se prevede un canone annuale di 120 euro. Esistono poi numerosi conti correnti per i minori di 18 anni che non sono soggetti a imposta di bollo.

conto-corrente-minori-senza-bollo

Commenti Facebook: