Consigli per scegliere un conto deposito conveniente

Sul mercato bancario ci sono molte proposte di conti deposito, che offrono tassi di interessi più elevati o meno, ma che in genere si aggirano intorno al 2-3%. Oltre al rendimento, quindi, a cosa dobbiamo fare attenzione al momento della scelta di un prodotto di investimento come quello del conto deposito? Ecco alcuni consigli per scegliere un conto deposito conveniente.

Consigli per scegliere un conto deposito conveniente

Con il calo dello spread i tassi di interesse dei conti deposito non sono più elevati come 2 anni fa; tuttavia, rimangono sempre un prodotto di investimento conveniente, sia per la facilità dell’apertura come per la mancanza di spese associate all’investimento (oltre all’imposta di bollo proporzionale prevista dalla legge che però con alcune banche non si paga nemmeno).

In più, la recentissima manovra anticrisi della BCE, dovrebbe spingere alle banche ad utilizzare la propria liquidità, e per questo motivo i tassi di interesse dei conti deposito potrebbero aumentare.

Un buon momento, quindi, per approfittare della convenienza dei conti deposito. Ma come scegliere?

Essenzialmente, i parametri che dobbiamo valutare per la scelta di un conto deposito sono riconducibili ai filtri selezionabili all’interno del nostro comparatore gratuito di SosTariffe.it, ovvero:

  • il tasso di interesse lordo: probabilmente la variabile che incide di più nella scelta anche se non si deve considerarla una discriminante;
  • Come e quando vengono capitalizzati gli interessi: solitamente tre sono le formule: anticipata, a fine vincolo e trimestrale;
  • vincolo a cui vengono sottoposti i fondi, caratteristica che può essere scelta direttamente dal cliente e che solitamente spazia dai 3 ai 24 mesi, con diverse fasce intermedie fra le quali individuare quella ideale;
  • La possibilità di estinzione anticipata del conto deposito che in alcuni casi viene garantita dalla formula svincolabile del conto stesso proposta da alcuni istituti (ad esempio, il CashPark Svincolabile di Fineco);
  • Il conto corrente legato al conto deposito, che può essere sia dell’istituito che di altro ente in base alle caratteristiche del conto, un elemento da non sottovalutare soprattutto se si prendono in considerazione i costi di gestione dei un conto corrente (nel caso se ne dovesse aprire un altro).

Per comparare facilmente i vari conti deposito a disposizione in una fase iniziale senza dubbio il comparatore di SosTariffe.it può essere un ottimo alleato, dato che mette a confronto tutte le caratteristiche appena menzionate per individuare prodotti i servizi più adatti alle proprie esigenze.

Confronta Conti Deposito »

Commenti Facebook: