Connettersi a internet con il cervello: un nuovo “sogno” targato Google

Google ha lasciato trapelare alcuni dettagli su un progetto avveniristico che, fino a pochi anni fa, sarebbe stato certamente catalogato tra le iniziative fantascientifiche. A raccontarlo alla stampa americana è uno dei dirigenti di Google, Raymond Kurzweil, che si è sbilanciato rivelato che entro 20 anni il cervello potrà essere utilizzato in perfetta condivisione con il computer.

Google "promette" una integrazione tra pensiero e realtà virtuale
Google "promette" una integrazione tra pensiero e realtà virtuale

Il direttore della divisione più ingegneristica di Google ha infatti affermato di ritenere che tra non molto tempo il pensiero biologico e l’intelligenza artificiale saranno reciprocamente integrati, andando a espandere in maniera ancora incredibile le capacità dell’essere umano, e accelerando in tal modo milioni di anni di evoluzione.

Scopri le migliori tariffe internet »

Entro il 2030 – 2040 le persone saranno ad esempio in grado di collegarsi a internet utilizzando il cervello, realizzando una sorta di unico ambiente di realtà virtuale nel quale sarà possibile vivere delle esperienze fino ad oggi non immaginabili.

Ad ogni modo, trattandosi di dichiarazioni futuristiche da parte di uno dei creativi più noti degli Stati Uniti, è ancora troppo presto per cercare di capire quali potranno essere gli step che condurranno all’obiettivo sopra esposto. L’impressione è tuttavia che le basi per una realtà virtuale condivisa siano oramai più che poste…

Commenti Facebook: