Come risparmiare sulla bolletta dell’acqua

Risparmiare sulla bolletta dell’acqua è semplice, bastano piccoli accorgimenti per ridurne il costo alla luce anche delle politiche di privatizzazione  della gestione dell’acqua proposte nel nostro Paese che secondo le Associazioni dei Consumatori ne aumenteranno i costi per le famiglie.

acqua-spreco

Il primo suggerimento è la manutenzione dei rubinetti, stime di Federconsumatori Giovani evidenziano infatti come una perdita di novanta gocce al minuto accumuli uno spreco di 4 mila litri di acqua all’anno. Per controllare i rubinetti di casa la procedura è semplice, basta chiuderli la notte per poi leggere al mattino se il contatore indica cifre diverse dalla sera prima.

Parte importante del risparmio è ottenibile riciclando l’acqua, per esempio l’operazione corretta per pulire frutta e verdura è riempire una bacinella e metterli in ammollo, non lasciarli sotto l’acqua corrente, e poi una volta lavati gli ortaggi si può riutilizzare l’acqua per innaffiare le piante.

Anche lasciare scorrere l’acqua fino a che non si è scaldata è una pratica che si dovrebbe eliminare, l’acqua fredda infatti potrebbe essere raccolta per poi lavare i pavimenti. Iconsumi e le bollette, seguendo questi semplici consigli subiranno una radicale diminuzione.

sulla bolletta dell’acqua è semplice, bastano piccoli accorgimenti per ridurne il costo alla luce anche delle politiche di privatizzazione  della gestione dell’acqua proposte nel nostro Paese che secondo le Associazioni dei Consumatori ne aumenteranno i costi per le famiglie.

acqua-spreco

Il primo suggerimento è la manutenzione dei rubinetti, stime di Federconsumatori Giovani evidenziano infatti come una perdita di novanta gocce al minuto accumuli uno spreco di 4 mila litri di acqua all’anno. Per controllare i rubinetti di casa la procedura è semplice, basta chiuderli la notte per poi leggere al mattino se il contatore indica cifre diverse dalla sera prima.

Parte importante del risparmio è ottenibile riciclando l’acqua, per esempio l’operazione corretta per pulire frutta e verdura è riempire una bacinella e metterli in ammollo, non lasciarli sotto l’acqua corrente, e poi una volta lavati gli ortaggi si può riutilizzare l’acqua per innaffiare le piante.

Anche lasciare scorrere l’acqua fino a che non si è scaldata è una pratica che si dovrebbe eliminare, l’acqua fredda infatti potrebbe essere raccolta per poi lavare i pavimenti. Iconsumi e le bollette, seguendo questi semplici consigli subiranno una radicale diminuzione.

Commenti Facebook: