Come ridurre il consumo di acqua risparmiando

Quando il contatore gira, anche la bolletta elettrica sale. I principali sprechi derivano dall’utilizzo smisurato di alcuni elettrodomestici o da altre cattive abitudini: una su tutte il lasciare i rubinetti aperti, ma anche preferire la vasca da bagno alla doccia e gettare l’acqua di cottura anziché “riciclarla”. Ecco alcuni consigli su come ridurre il consumo di acqua risparmiando.

Gli elettrodomestici incidono sulla bolletta elettrica. Ecco i consigli per pagare meno

Non serve attendere la Giornata Mondiale Mondiale dell’Acqua (si festeggia oggi, 22 marzo) per ridurre gli sprechi. Adottando quotidianamente le pratiche dell’uso responsabile e del riuso, e applicandole alle nostre abitudini e all’utilizzo di alcuni elettrodomestici, si contribuisce a preservare beni preziosi come le risorse idriche. Come ridurre il consumo di acqua risparmiando sulla bolletta elettrica in modo sostenibile? Di seguito un utile vademecum.
Confronta offerte energia

Come ridurre il consumo di acqua in modo sostenibile

Non tutti sanno che usare l’acqua responsabilmente significa risparmiare anche sulla bolletta elettrica (per trovare le forniture energia elettrica più economiche utilizza il comparatore di SosTariffe.it). Ecco quali sono le buone pratiche di utilizzo dell’acqua.

Elettrodomestici come lavastoviglie e lavatrice devono essere utilizzati solo a pieno carico. Per le lavatrici è preferibile acquistare i modelli più efficienti classe A++ o classe A+++ e optare per quelli più grandi (dagli 8 ai 10 kg) in modo da fare meno lavaggi, sprecare meno acqua e risparmiare tempo. Seguendo questi suggerimenti si preserva la durata dell’apparecchio e si risparmiano 1/3 di acqua e di energia.come ridurre il consumo di acqua risparmiando

Come ridurre il consumo di acqua risparmiando sulla bolletta elettrica non riguarda solo l’acquisto di elettrodomestici ma, come accennato, anche l’uso che se ne fa. Gli sprechi più alti vengono dal cattivo utilizzo dei rubinetti, dall’utilizzo di acqua in modo smisurato e da abitudini come dimenticare di chiudere bene le valvole quando si esce di casa, ma non solo. Anche lasciare l’acqua aperta mentre ci si lava i denti significa sprecare.

I dati ISTAT riferiscono che tanto in bagno quanto in cucina gli italiani usano in media 241 litri al giorno, per questo, oltre a correggere i propri comportamenti, si consiglia di munirsi di riduttori di pressione, che si trovano in commercio a basso costo. Con un riduttore acquistato al prezzo di 2 Euro si controllano le risorse idriche fino al 50%.

E’ importante tenere d’occhio eventuali perdite, verificare i giri del contatore e provvedere alla manutenzione degli impianti. Naturalmente il risparmio sulla bolletta elettrica dipende anche dalle tariffe energia elettrica del proprio fornitore. Chi passa al mercato libero e confronta gli operatori ad esempio, senza apportare modifiche agli impianti esistenti avrà un’occasione di risparmio in più.
Confronta costi energia

Chi preferisce la doccia alla vasca contribuisce a ridurre gli sprechi. Si pensi che fare il bagno in vasca comporta consumi fino a 4 volte superiori alla doccia: con quest’ultima in tre minuti si consumano 35-50 litri, mentre una vasca piena può contenere anche 160 litri d’acqua. Come ridurre il consumo di acqua risparmiando con il riuso? Eccolo spiegato.

Acqua e riuso: abitudini responsabili

L’acqua di cottura invece di essere gettata può essere riutilizzata per risparmiare. Quando si cucina il riso ad esempio, basta utilizzare una schiumarola e conservare l’acqua calda per una lavanda emolliente ai piedi oppure, scolata la pasta, si possono cuocere separatamente verdure o lavare i piatti grazie al suo potere sgrassante (in questo modo si risparmia anche sull’uso di detersivi inquinanti).

Quando l’acqua è fredda invece, utilizzata per lavare frutta e verdura, può essere riutilizzata per annaffiare le piante. Mettendo in pratica l’uso responsabile e il riuso si paga meno la bolletta elettrica e si lavora per preservare il bene prezioso acqua.

Commenti Facebook: