Come pagare in Thailandia: carte di credito, bancomat e prepagate accettate

Una delle mete turistiche preferite dagli italiani è la Thailandia, un Paese davvero molto particolare e, in molti aspetti, profondamente diverso dal nostro per usi e costumi. Ecco come pagare in Thailandia e quali sono le carte di credito, i bancomat e le prepagate che vengono comunemente accettate. 

Ecco tutto quello che c'è da sapere sui pagamenti in Thailandia

La Thailandia è, senza dubbio, uno dei Paesi più visitati dagli italiani interessati ad una vacanza in un luogo esotico e sicuramente ricco di fascino. Prima di partire per la Thailandia è molto importante assicurarsi di aver raccolto tutte le informazioni necessarie relative a diversi aspetti “pratici”.

Per prima cosa è opportuno sapere come pagare in Thailandia e quali carte di credito, bancomat e prepagate vengono accettate oltre ad assicurarsi di poter prelevare denaro senza problemi. Prima di partire, quindi, è importante contattare il proprio istituto bancario per richiedere tutte le informazioni sull’utilizzo delle proprie carte in Thailandia.

La Thailandia è un Paese molto particolare per quanto riguarda i sistemi di pagamento e presenta sostanziali differenze rispetto alle nostre abitudini. Per prima cosa, infatti, in molti esercizi commerciali viene richiesto esplicitamente il pagamento in contanti e, come vedremo di seguito, avere sempre denaro contante a disposizione è essenziale. Il supporto ai pagamenti elettronici ed al prelievo con carte italiane è buono ma non capillare.Scopri le migliori Carte di Credito da attivare

Come pagare in Thailandia: tutto quello che c’è da sapere

Un primo aspetto da considerare quando ci si reca in Thailandia è rappresentato dal fatto che non tutte le attività commerciali accettano pagamenti con carta di credito. Sono, infatti, numerosi i piccoli locali, i mercatini, le bancarelle e tanti punti “caratteristici”, ma non per questo turistici, del Paese che richiedono pagamenti solo in contanti.

In Thailandia si usa il Baht, una moneta che, al cambio attuale vale poco meno di 3 centesimi di Euro. In Italia è praticamente impossibile cambiare Euro in Baht. Sarà, quindi, necessario effettuare il cambio in aeroporto (portando con sé un buon quantitativo di Euro dall’Italia) oppure in una delle agenzie bancarie autorizzate che sono sparse su tutto il territorio thailandese ed, in particolare, nelle zone turistiche. Queste agenzie, solitamente, offrono un cambio a tassi decisamente più vantaggiosi di quelli che trovereste in aeroporto.

In alternativa, è possibile prelevare denaro direttamente da un ATM. Da notare che gli sportelli automatici, oltre alle spese applicate dalla propria Banca, prevedono una tassa fissa che verrà applicata a tutti i prelievi effettuati in Thailandia. A prescindere dall’importo prelevato, infatti, è previsto un addebito extra di 150 o 200 bath a seconda dello sportello.

In generale, buona parte delle carte italiane possono essere utilizzate per il prelievo di denaro contante in Thailandia. E’ opportuno, come sempre quando si viaggia all’estero, richiedere tutte le informazioni al proprio istituto bancario al fine di assicurarsi un completo supporto per il prelievo di contante. Non sono rari, in ogni caso, problemi con il prelievo per alcune carte. 

Alcune carte italiane, sia prepagate che di credito, potrebbero presentare dei limiti di prelievo giornalieri oltre che delle commissioni da tenere in considerazione. Richiedendo tutte le informazioni alla propria Banca prima di partire si avrà un quadro completo della situazione e delle possibilità di utilizzo dei propri strumenti di pagamento.

Come detto in precedenza, in Thailandia l’utilizzo dei pagamenti elettronici non è frequente ma è comunque un’opzione disponibile in un gran numero di esercizi commerciali, soprattutto nelle aree turistiche. Tutte le principali carte vengono accettate. E’, inoltre, consigliato avere con sé una carta di credito da utilizzare solo per specifiche spese come l’acquisto in negozi “di lusso”, il noleggio di veicoli o le cauzioni in hotel.

In conclusione, ribadiamo che, prima di mettersi in viaggio per la Thailandia, è opportuno organizzare con attenzione tutto l’aspetto legato ai pagamenti. Un turista in Thailandia deve sempre avere a disposizione un buon quantitativo di contanti e la certezza di poter utilizzare una carta di pagamento per tutte le principali emergenze che potrebbero nascere durante il viaggio.

Commenti Facebook: