Come ottenere il rimborso disservizio energia

Già nel 2000 l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico informava i consumatori sui nuovi standard nazionali qualità vigenti nel sistema elettrico. Purtroppo in alcune occasioni, come in presenza di condizioni meteo avverse, i distacchi senza preavviso sono più frequenti ed è giusto chiedere un risarcimento. Ecco quali sono le tutele esistenti e come ottenere il rimborso disservizio energia.

Risarcimento per distacco da forza maggiore o per responsabilità del fornitore

Sottoscritto il contratto col fornitore (si può fare telefonicamente oppure online, basta confrontare le offerte energia elettrica) e pagate le bollette, ci si aspetta che il servizio sia sempre garantito. Tuttavia in Italia i black-out si verificano spesso: in alcuni casi sono attribuibili alle condizioni meteo, altri alla responsabilità del gestore. Come ottenere il rimborso disservizio energia? L’AEEGSI (Autorità di settore) tutela i consumatori con specifiche modalità di risarcimento.
Confronta offerte energia

Come ottenere il rimborso disservizio energia per cause di forza maggiore

come ottenere il rimborso energia elettrica

Spesso basta un temporale o l’ondata di caldo estiva per far sì che centinaia di famiglie ed imprese rimangano senza elettricità ore o giorni. Per tutelare gli utenti l’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Sistema Idrico ha stabilito criteri e modalità di risarcimento nelle ipotesi in cui, a causa del maltempo, si verifica un distacco temporaneo di energia elettrica.

Come ottenere il rimborso per disservizio energia causato dal maltempo?

Nel 2008 l’Autorità ha istituto un fondo speciale che interviene con rimborsi automatici nelle bollette energia elettrica quando l’interruzione prolungata è dovuta a cause di forza maggiore. Il risarcimento per le utenze domestiche va da un minimo di 30 Euro per 8 ore di interruzione ad un massimo di 300 Euro per 3 giorni consecutivi di black out. Il calcolo del rimborso automatico avviene in base alla tensione di alimentazione, alla tipologia d’uso e alla potenza contrattualmente impegnata.

Nei casi di forza maggiore, l’indennizzo viene erogato con uno sconto sulla prima bolletta utile senza che l’utente debba farne richiesta. Per maggiori informazioni, consultare il sito dell’Autorità (autoritaenergia.it).

Come ottenere il rimborso disservizio energia per responsabilità del gestore

Quando le condizioni meteo non c’entrano nulla con il distacco di energia, si è probabilmente di fronte ad un caso di responsabilità del gestore. Quando la colpa è del distributore l’Autorità prevede che il quantum del risarcimento sia a carico degli stessi e proporzionato alla durata del disservizio (da un minimo di 35 Euro ad un massimo di 105 Euro).

Come ottenere il rimborso disservizio energia in questi casi?

Anche quando la colpa è del gestore il risarcimento viene erogato con uno sconto sulla prima bolletta utile, in base al contratto di fornitura ( tensione di alimentazione, tipologia d’uso e potenza impegnata) trascorsi 60 giorni dall’interruzione (180 giorni se le interruzioni coinvolgono più di 2 milioni di utenti), senza che il consumatore ne faccia richiesta.

Per conoscere del risarcimento basta trovare la voce in bolletta “Rimborso automatico per mancato rispetto dei livelli specifici di qualità definiti dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas, corrisposto in misura forfettizzata”.

Se il disservizio è reiterato, consulta le altre tariffe energia elettrica online per cambiare fornitura e risparmiare.
Forniture energia elettrica online

Mancato accredito del risarcimento

E’ importante sapere come ottenere il rimborso disservizio energia da parte del gestore non è possibile in questi casi:

  • quando l’utente non ha pagato una o più bollette;
  • quando l’utente ha responsabilità nel disservizio;
  • quando il risarcimento richiesto è dovuto a cause di forza maggiore (in questa ipotesi interviene il fondo dell’AEEGSI);
  • quando il rimborso è destinato ad un utente MT che non abbia presentato la dichiarazione di adeguatezza degli impianti o che abbia presentato una dichiarazione di adeguatezza non completa, non conforme o revocata.

Richiesta di rimborso per disservizio energia

Se non ricorrono i casi di mancato accredito, come ottenere il rimborso disservizio energia? L’utente ha diritto di rivolgere al gestore una domanda di risarcimento non oltre 8 mesi dal momento in cui si è verificata l’interruzione. Il distributore valuta la richiesta ed entro 3 mesi ed eroga le somme dovute o, in caso di rigetto della richiesta, fornisce risposta scritta e motivata. La domanda di indennizzo può essere domandata al gestore inviando a mezzo raccomandata a/r, fax, o e-mail se previsto dal contratto di fornitura il modulo di richiesta rimborso.

Modello per la domanda di risarcimento

Spett.le…. (nome del gestore)

Indirizzo… (indirizzo sede legale e amministrativa o Servizio Clienti/Reclami)

Oggetto…(inserire “richiesta di rimborso forfettario per disservizio”)

N° utenza…… (inserire numero utenza)

Intestata a……. (inserire intestatario dell’utenza)

Il sottoscritto … residente a… in via…n… titolare del contratto di fornitura elettrica n°…nella sua qualità di proprietario – conduttore dell’appartamento sito in …alla via …chiede all’Azienda elettrica un risarcimento pari a …. Euro o, in subordine, il rimborso forfettario stabilito dall’AEEGSI pari a 25,82 Euro per i danni avuti in seguito al vostro disservizio avvenuto in data…(indicare data o arco temporale), di cui si allegano prove e testimonianze.

Il rimborso potrà essere effettuato con conguaglio nella prossima bolletta o con accredito su c/c bancario n°…(indicare il vostro numero di conto corrente).

Si fa presente che se ciò non avverrà, con comunicazione allo scrivente entro 15 giorni dal ricevimento della presente raccomandata, mi vedrò costretto ad adire le vie legali.

All.1 -All. 2 (specificare e allegare i documenti a riprova del disservizio)

Distinti Saluti.

Data ,città, firma.

Commenti Facebook: