Cambio casa e internet fisso: meglio Fibra o LTE 4G? 

Scegliere tra la fibra ottica e il 4G di un modem mobile è oggi più che mai una possibilità concreta, da valutare attentamente a seconda delle proprie esigenze e dei vantaggi: bassa latenza e traffico illimitato da una parte, mobilità, buona ricezione anche in luoghi remoti e nessun bisogno dell’installazione di una linea fissa dall’altra.

Tutto quello che c'è da sapere su latenza, traffico dati, velocità

Un quesito diventato di moda

Quando si cambia casa sono davvero tante le cose a cui pensare: non ultime le utenze, dalla luce e al gas fino al telefono fisso – per chi ancora ne ha bisogno – e soprattutto il collegamento Internet, ormai indispensabile per fruire non solo dei servizi del web ma anche per la televisione o la radio via streaming, la domotica, i servizi di videosorveglianza.

L’evoluzione della fibra ottica e quella parallela di Internet mobile, con il 4G, rendono sempre meno banale una questione che fino a pochi mesi fa veniva risolta senza difficoltà: scegliere una connessione fissa oppure una mobile, con tanto di modem portatile Wi-Fi, per la propria casa.

Com’è la situazione oggi

Alcuni anni fa i limiti per la scelta mobile erano tutt’altro che trascurabili, considerando che la velocità – e ancora di più la latenza – erano decisamente meno convenienti rispetto alla linea fissa; ma soprattutto era la scarsità di traffico dati a disposizione che faceva propendere per la fibra o per l’ADSL.

Oggi, però, la situazione è cambiata: gli operatori propongono soluzioni mobili che danno diritto anche a 30, 50 o perfino 100 gigabyte mensili (cliccando sul tasto qui sotto trovate tutte le offerte più ricche), con prestazioni ormai paragonabili a quelle della fibra ottica.
Confronta le offerte per Internet mobile

Che cosa scegliere

Cos’è meglio scegliere, quindi? In linea di massima si può dire che se non si hanno particolari richieste in termini di reattività della linea e di gigabyte a disposizione, e soprattutto se si hanno problemi a installare una linea fissa in casa propria, ricorrere all’LTE 4G potrebbe essere un’ottima opzione; ancora di più se si tratta di una seconda casa e si ha l’ADSL o la fibra ottica nell’abitazione principale, perché spesso gli operatori mettono a disposizione dei loro abbonati delle SIM (è il caso di Wind e di TIM) che consentono l’accesso in mobilità.

Scegliere la linea fissa è invece ancora indispensabile quando si prevede di sfruttare molto il download del proprio abbonamento, ad esempio per guardare via streaming contenuti ad alta definizione (come per la versione per fibra ottica di Sky). “Divieto di mobilità” anche per gli appassionati gamer, visto che la bassa latenza è un requisito indispensabile per il gioco online e questa è una prerogativa del buon vecchio cavo Ethernet.

Commenti Facebook: