Bonus colonnine elettriche: come richiederlo a Settembre 2023

Bonus colonnine elettriche: si tratta di un contributo dell’80% della spesa totale per l’installazione di postazioni per la ricarica di veicoli elettrici. Per scoprire come riceverlo c’è SOStariffe.it, insieme alle migliori assicurazioni auto di settembre 2023.

In 30 secondi

Bonus colonnine elettriche, che cos’è e come funziona l’agevolazione a settembre 2023: 
  1. Contributo dell’80% per acquisto e installazione di postazioni per la ricarica dell’auto elettrica
  2. Rimborso massimo fino a 1.500 € per i privati e 8.000 € per i condomini 
  3. I preventivi più convenienti di settembre 2023 per l’assicurazione auto su SOStariffe.it
Bonus colonnine elettriche: come richiederlo a Settembre 2023

Bonus colonnine elettriche è valido per il 2023-2024. Con il decreto Milleproroghe, il governo ha previsto una copertura finanziaria di 40 milioni di euro (fino a esaurimento dei fondi stanziati) per sostenere questa agevolazione, grazie alla quale è possibile ricevere un rimborso dell’80% del prezzo di acquisto e installazione di sistemi di ricarica per veicoli elettrici. Il tetto massimo del contributo è pari a: 

  • 1.500 euro per le abitazioni private; 
  • 8.000 euro per i condomini negli spazi a uso comune.

Ma prima di vedere come sia possibile ottenere lo sconto abbinato al bonus colonnine elettriche, occorre ricordare che con il comparatore di SOStariffe.it per assicurazioni auto è possibile trovare le polizze RCA più economiche di settembre 2023 e confrontare i preventivi più vantaggiosi per risparmiare sul premio assicurativo. Preventivi personalizzati sulla base dei propri dati inseriti nel tool digitale e gratuito. Per saperne di più, vai al link qui sotto:

Scopri la migliore polizza auto di settembre 2023»  

Bonus colonnine elettriche: che cos’è e come funziona a Settembre 2023

LE DOMANDE LE RISPOSTE
Che cos’è il bonus colonnine elettriche? È un contributo economico dell’80% per la spesa totale di una colonnina elettrica per la ricarica dell’auto
A chi si rivolge? Possono beneficiare dell’agevolazione:

  • i privati per un massimo di 1.500 €
  • i condomini (negli spazi comuni) per un massimo di 8.000€
Quali spese rientrano in questo bonus? È possibile richiedere il rimborso per acquisto, posa e messa in opera di una colonnina elettrica

Il bonus colonnine elettriche 2023 è gestito dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Non è una detrazione fiscale, ma un contributo economico. In passato era riservato solo alle imprese, attualmente possono beneficiare dell’agevolazione sia le abitazioni private che gli edifici condominiali. Come detto la misura prevede un contributo dell’80% per la spesa sostenuta per dotarsi di una colonnina elettrica.

Tra le spese che rientrano nel bonus colonnine elettriche ci sono:

  • acquisto;
  • posa;
  • messa in opera.

Per fare un esempio: se il prezzo medio di una colonnina elettrica per la ricarica di un’auto elettrica è di 1.300 euro, il privato cittadino sborserà soltanto 260 euro, perché i restanti 1.040 euro saranno rimborsati con il bonus.

Questo bonus è erogato sotto forma dirimborso delle spese già sostenute e documentate. Per richiederlo occorre utilizzare la piattaforma online del Ministero delle Imprese e del Made in Italy che però non è ancora stata attivata.

Assicurazioni auto: le offerte più economiche di Settembre 2023

Per gli automobilisti che vogliano risparmiare sulla polizza auto, un aiuto arriva dal comparatore per assicurazioni auto di SOStariffe.it, che consente di avere un preventivo sulla base delle migliori offerte di settembre 2023.

Per individuare subito la proposta più conveniente è sufficiente inserire la targa dell’auto e pochi altri dati, in modo da avviare subito la comparazione e trovare un preventivo vantaggioso per la polizza auto. Sia nella scelta che nell’attivazione della polizza è possibile richiedere assistenza gratuita e senza impegno chiamando il numero verde 800 999 565.

C’è da osservare che i preventivi messi a punto dal tool digitale e gratuito di SOStariffe.it sono personalizzati sulla base dei dati inseriti dall’utente stesso. Infatti, sono richiesti:

  • dati anagrafici, come età e il Comune di residenza;
  • caratteristiche del veicolo per il quale si vuole attivare la polizza;
  • dati assicurativi (come la classe di merito).

Poi è possibile scegliere tra la sola polizza RC auto e il pacchetto che include oltre alla RCA anche le varie garanzie accessorie che l’automobilista desideri attivare, come per esempio:

  • kasko;
  • atti vandalici;
  • incendio e furto;
  • cristalli;
  • tutela legale;
  • eventi atmosferici;
  • assistenza stradale.

Una volta inserite tutte queste opzioni, si avrà il costo del premio finale dell’assicurazione auto e una serie di preventivi ordinati dal più conveniente a quello meno economico. A questo proposito, non va dimenticato che, non è possibile individuare una polizza auto che sia la migliore in assoluto, ma occorre valutare, caso per caso, quali siano le opzioni più vantaggiose sulla base dei dati inseriti.