Bonifico SEPA, cosa cambia a partire da Febbraio 2014?

A partire dal prossimo 1° Febbraio 2014, per effetto del Regolamento UE n. 260/12, ai fini di armonizzare i servizi di pagamento in Europa, i bonifici e la domiciliazione pagamenti/RID verranno definitivamente sostituiti da due nuovi servizi – rispettivamente il SEPA Credit Transfer (SCT) e il SEPA Direct Debit (SDD) – con caratteristiche comuni all’interno di tutti i Paesi appartenenti all’Area SEPA (Area Unica dei Pagamenti Europei).

Bonifico SEPA, come fare
SEPA: tutte le modifiche a partire dall'anno prossimo

Il 30 marzo 2012 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE il Regolamento UE n 260-2012 sull’Area SEPA che stabilisce i requisiti tecnici e commerciali per i bonifici bancari e gli addebiti diretti in euro.

Questo Regolamento è fondamentale per la realizzazione dell’Area SEPA (ovvero Area Unica dei Pagamenti in Euro) e stabilisce le norme secondo le quali dovranno eseguirsi tutti i bonifici e gli addebiti diretti a partire dal 1° Febbraio 2014.

In effetti, in quella data tutte le procedure di pagamenti nazionali verranno sostituite dai corrispondenti schemi di pagamento europei, che permettono eseguire pagamenti all’interno dell’UE alle medesime condizioni di base a prescindere dalla nazione in cui sono disposti.

Cos’è il Sepa Credit Transfer?

A partire da febbraio prossimo andrà utilizzato il Sepa Credit Transfer (SCT), il nuovo strumento di pagamento di base per l’esecuzione di bonifici in euro fra i clienti detentori di conti all’interno dell’area Sepa.

Nel nostro Paese il Sepa Credit Transfer sostituirà il BON (Bonifico Ordinario Nazionale).

Ecco le sue principali caratteristiche:

  • le operazioni sono denominate esclusivamente in Euro senza limiti di importo;
  • il tempo massimo di esecuzione è un giorno lavorativo, indipendentemente dal paese Sepa di destinazione;
  • l’IBAN e il BIC saranno gli unici identificativi per le operazioni – dal 2014 per i bonifici domestici e dal 2016 per quelli europei, non sarà più obbligatorio fornire il BIC.

Cos’è il Sepa Direct Debit?

Invece il Sepa Direct Debit (SDD), o Addebito Diretto Sepa, è il nuovo strumento di incasso europeo che andrà a sostituire l’attuale pagamento RID (ordinario o veloce).

Questo nuovo prodotto consentirà, alle stesse condizioni, la raggiungibilità di tutti i conti correnti nell’area SEPA che ammettono addebito diretto.

Prevede due schemi distinti:

  • SDD CORE utilizzabile dal creditore sia nei confronti dei Consumatori come dei debitori classificati dalla propria banca come Non Consumatori (Micro Imprese e le Imprese e Società commerciali);
  • SDD Business to Business, utilizzabile dal creditore esclusivamente nei confronti di debitori Non Consumatori.

Commenti Facebook: