Bankitalia, i conti correnti italiani migrano all’estero

Bankitalia ha segnalato una situazione allarmante: una perdita di ben 274 miliardi di euro a causa della migrazione dei conti correnti italiani a banche estere.

Confronta Conti Correnti

L’ultimo Bollettino della Banca d’Italia riguardo l’evoluzione “dei saldi del sistema di pagamento Target 2″ ha messo in evidenzia una circostanza preoccupante. Oggi, i correntisti italiani cercano sempre di più di trasferire i soldi depositati nei propri conti correnti all’estero.

Secondo Bankitalia, questa situazione ha provocato, fino al mese di marzo, una perdita di 274 miliardi di euro che sono migrati principalmente verso i paesi nordeuropei.

In questa maniera, mentre l’attuale Governo cerca di convincere tutti gli italiani di mettere i propri soldi in banca, attraverso il già celebre conto base, i correntisti invece cercano di migrare oltreconfine per mettere al riparo il proprio denaro.

Gli specialisti della Banca d’Italia, considerano che “dall’avvio della crisi del debito sovrano si è registrato un forte incremento dei flussi di pagamento per il tramite del sistema di regolamento transeuropeo Target 2 dai Paesi dell’area maggiormente interessati dalla crisi verso quelli ritenuti più solidi dagli operatori di mercato”.

Di conseguenza, continuano gli economisti, “Tali andamenti hanno determinato ampie variazioni nella posizione creditoria o debitoria, registrata nella voce altri investimenti della bilancia dei pagamenti di un Paese, delle diverse banche centrali nazionali nei confronti della Banca centrale europea”.

Fino a dicembre 2011, la perdita di denaro per la migrazione dei conti correnti all’estero era di “soli” 200 miliardi di euro, sempre secondo Bankitalia.

Queste cifre sono cresciute in maniera allarmante in questo primo trimestre, e le cause sicuramente sono da ricercare nella crisi economica e le tensioni sul debito pubblico.

Così, ogni giorno i soldi degli italiani (e naturalmente quello degli investitori stranieri) si allontanano sempre di più dall’Italia.

Commenti Facebook: