Aumenta il bonus elettrico per disagio fisico e per le famiglie a basso reddito

Tra le diverse novità annunciate dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, quali l’aumento del gas e la diminuzione delle tariffe della luce, c’è anche una buona notizia per le famiglie che percepiscono il bonus elettrico per disagio fisico, cioè quello dedicato ai malati che hanno bisogno di apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita. In particolare, dal 1 gennaio 2013 questo sconto in bolletta aumenta notevolmente, variando da un minimo di 176 euro a un massimo di 636 euro.

Confronta Tariffe Energia Elettrica

Come annunciato già ad agosto 2012 (vedi l’articolo Bonus energia, novità per i clienti malati gravi), a partire da gennaio 2013, l’importo del bonus elettrico per disagio fisico sarà stabilito in funzione al livello dei consumi e alla quantità di apparecchiature necessarie per il supporto vitale, tenendo conto così degli specifici bisogni ed esigenze dei clienti malati gravi. Tra le novità vi è inoltre la possibilità di ottenere il riconoscimento retroattivo del nuovo bonus energia.

L’autorità ha ricordato inoltre che il bonus per disagio fisico è cumulabile con quello riservato alle famiglie a basso reddito e numerose (sia per la fornitura di energia elettrica che di gas), purché ricorrano i rispettivi requisiti di ammissibilità.

In più, è possibile ottenere più bonus per disagio fisico nel caso in cui presso l’abitazione del titolare della fornitura di energia elettrica dimorino più malati gravi, sempre che abbiano bisogno ciascuno di apparecchiature elettromedicali indispensabili per il loro mantenimento in vita.

Infine, l’Autorità ha anche aggiornato i valori dei bonus per le famiglie a basso reddito e numerose.

Nello specifico, a partire dal 10 gennaio 2013, il bonus elettrico (che consente una diminuzione media del 20% sulla bolletta, al netto delle imposte) consentirà uno sconto minimo di 71 euro e massimo di 155 (anziché 63-139 erogati nel 2012); stessa situazione per il bonus sociale gas (risparmio medio del 15%), che passerà dal minimo di 39 euro al massimo di 350 euro (invece dei 35-318 del 2012).

Confronta Tariffe Gas

Commenti Facebook: