Arriva il controllo del Fisco sui conti correnti

Ci sono stati molti rinvii, ma adesso a quanto pare ci siamo: a partire dal prossimo 31 gennaio diventerà finalmente operativa l’anagrafe dei conti bancari, in realtà attiva già da ottobre ma oggetto di continue proroghe. Entro quella data banche e intermediari finanziari dovranno quindi inviare all’agenzia delle Entrate tutte le principali informazioni relative ai movimenti bancari del 2011.

Fisco
Entro il 31 gennaio dovranno essere trasmessi i dati relativi al 2011

I conti correnti diventeranno quindi «trasparenti» per il Fisco italiano, anche se non in modo dettagliato: saldi di inizio e fine anno, somma dei movimenti in entrata e in uscita, informazioni sul dossier titoli, operazioni effettuate con carte di credito, quelle relative ai certificati di deposito e alle altre forme di investimento come le azioni, perfino il numero di accessi alle cassette di sicurezza: tutto contribuirà a costituire un prezioso patrimonio di dati per combattere l’evasione fiscale.
Confronta offerte conti correnti
Queste le scadenze per la trasmissione dei dati. Entro il prossimo 31 gennaio, come si è detto, al SID – Sistema di interscambio flussi dati – dovranno essere inviati i dati relativi al 2011, entro il 31 marzo quelli relativi al 2012, il 20 aprile 2014 sarà la scadenza per il 2013 e il 20 aprile 2015, con la definitiva entrata a regime, banche e intermediari dovranno inviare i dati dei loro correntisti per questo 2014.

Commenti Facebook: