Come ricaricare una carta prepagata Mastercard


La carta prepagata Mastercard è una delle tipologie di carte di pagamento più utilizzate in assoluto, sia per fare acquisti online che per prelevare denaro dagli ATM o pagare nei vari esercizi commerciali senza la necessità di utilizzare denaro contante. Sul mercato sono disponibili un gran numero di opzioni per chi è in cerca di una carta prepagata Mastercard.

pagamenti online

 

Le caratteristiche delle carte prepagate Mastercard

A seconda della banca che la emette, la carta prepagata Mastercard può presentare specifiche caratteristiche ed, in particolare, può contare su specifici metodi per effettuare la ricarica. Questo aspetto rappresenta un elemento centrale per una carta prepagata Mastercard e va valutando con molta attenzione prima di scegliere quale carta attivare per effettuare i propri acquisti.

A differenza delle carte di credito, infatti, questa tipologia di carta deve essere ricaricata in anticipo. Se non ci sono fondi, infatti, non sarà possibile effettuare acquisti e, più in generale, utilizzare la carta. Da notare, inoltre, che a differenza delle normali carte di debito, una carta prepagata non necessita di essere abbinata ad un conto corrente.

Per ricaricare una carta prepagata Mastercard è possibile sfruttare un gran numero di opzioni. A seconda delle proprie esigenze, l’utente, di volta in volta, potrà optare per la soluzione più conveniente per procedere con la ricarica della carta in modo da avere i fondi necessari per poter fare acquisti, sia online che negli esercizi commerciali, ed eventualmente prelevare contanti.

Al fine di valutare, con precisione, l’opzione migliore per la ricarica di una carta prepagata Mastercard è consigliabile analizzare i costi ed i tempi in modo particolare. Alcuni sistemi di ricarica, infatti, comportano una spesa per il cliente che, se ripetuta nel tempo, può tradursi in una spesa considerevole rendendo una determinata modalità di pagamento poco vantaggiosa.

Allo stesso modo, altre soluzioni di ricarica possono presentare dei tempi abbastanza lunghi per l’accredito della cifra da ricaricare. Se si desidera utilizzare rapidamente i fondi ricaricati sulla prepagata, quindi, non tutti i metodi scelti andranno bene e sarà necessario valutare con attenzione le alternative disponibili.

Tutte le opzioni disponibili

Tra le principali opzioni disponibili per effettuare la ricarica di una carta prepagata Mastercard troviamo:

  • ricarica tramite conto corrente abbinato;
  • ricarica tramite bonifico (solo per prepagate con IBAN);
  • ricarica con versamento di contanti presso gli ATM evoluti oppure presso lo sportello bancario;
  • ricarica con versamento di contati presso punti convenzionati con la propria banca (ricevitorie, tabaccai etc.);

Ecco, quindi, come fare per ricaricare una carta prepagata di Mastercard.

 

Ricarica dal conto corrente abbinato

Molte carte prepagate prevedono come unica opzione di ricarica il collegamento al conto corrente. In questo caso, l’utente, ogni qualvolta desideri, può ricaricare la carta prepagata spostando il denaro dal conto corrente alla carta stessa.

Questa soluzione, che può essere completata tramite home banking, è velocissima e, di norma, non prevede costi di alcun tipo per il cliente. Nella maggior parte dei casi, inoltre, non sono previsti costi di commissione per poter ricaricare la carta prepagata seguendo questa soluzione.

A seconda della banca, alle volte è possibile impostare delle ricariche periodiche della carta prepagata Mastercard utilizzando il conto corrente ad essa abbinato. In questo modo, si avrà la certezza di avere sempre una certa disponibilità sulla carta che, quindi, potrà essere utilizzata per effettuare diverse operazioni ed acquisti senza correre il rischio di non avere fondi a sufficienza.

 

Ricarica della carta tramite bonifico

Un'altra opzione, molto comoda, per poter procedere con la ricarica di una carta prepagata Mastercard è rappresentata dal bonifico bancario. Questa soluzione è disponibile per tutte le carte prepagate che possono contare su di un proprio IBAN. Per ricaricare una prepagata sarà, quindi, sufficiente far partire un bonifico da un conto corrente utilizzando come coordinate bancarie proprio l’IBAN della carta da ricaricare.

In questo caso, i tempi per il completamento della ricarica della carta prepagata Mastercard saranno legati ai tempi di accredito del bonifico. A seconda dell’istituto bancario, l’accredito del bonifico potrà essere immediato oppure potrà aver bisogno di alcuni giorni per poter essere completato. Da notare, inoltre, che alcune banche applicano una commissione, di pochi Euro, per chi sceglie questa tipologia di ricarica per la prepagata.

Scegliere di ricaricare una carta prepagata Mastercard tramite bonifico può essere una buona soluzione in diversi casi. Ad esempio, quest’opzione può risultare molto comoda per un genitore che vuole effettuare una ricarica della prepagata utilizzata dal proprio figlio. Tramite l’homebanking sarà possibile far partire il bonifico e, quindi, procedere con la ricarica della carta prepagata.

Se si sceglie di effettuare la ricarica della carta prepagata tramite bonifico è necessario valutare con attenzione le tempistiche. L’accredito del bonifico, infatti, può richiedere, come sottolineato in precedenza, anche alcuni giorni e, quindi, la ricarica della carta prepagata Mastercard potrebbe non essere immediata o comunque potrebbe non essere completata entro i tempi desiderati. Bisogna, quindi, considerare con attenzione quest’aspetto prima di procedere con la ricarica tramite bonifico.

 

Versamento in contanti all'ATM o allo sportello della filiale

Per ricaricare una carta prepagata Mastercard è possibile procedere anche scegliendo un versamento in contanti. In questo caso, infatti, l’utente, seguendo le modalità di ricarica messe a disposizione dal proprio Istituto, potrà ricaricare la carta prepagata depositando il quantitativo di denaro desiderato che andrà ad incrementare i fondi a disposizione della carta stessa.

La ricarica di una carta prepagata tramite versamento di contanti può avvenire in diversi modi. La soluzione più veloce è rappresentata dalla ricarica tramite ATM. Recandosi presso uno sportello automatico della banca che ha emesso la prepagata, infatti, sarà possibile procedere alla ricarica di quest’ultima seguendo le modalità previste dalla banca stessa. Per effettuare la ricarica sarà necessario avere a disposizione la carta da ricaricare (oppure i codici di accesso specifici se la banca lo prevede).

Da notare, inoltre, che la ricarica di una carta prepagata può avvenire solo presso gli ATM che supportano tale funzione. Può capitare, infatti, di imbattersi in alcuni sportelli automatici che non prevedono la possibilità di effettuare questa tipologia di ricarica per la carta prepagata. Se si è interessati ad utilizzare quest’opzione per la ricarica, è consigliabile raccogliere tutte le informazioni relative alla disponibilità degli ATM della propria banca che supportano tale funzione.

In alternativa, è possibile effettuare la ricarica della carta prepagata effettuano un versamento di contanti presso lo sportello della propria banca. Si tratta di una soluzione sicuramente molto comoda anche se può presentare alcuni contro. Ad esempio, se la filiale dove si vuole effettuare la ricarica della prepagata è particolarmente affollata potrebbe essere necessario attendere diverso tempo prima di completare un’operazione che, tramite l’ATM ad esempio, richiede pochi minuti.

Anche in questo caso, è importante valutare con attenzione la convenienza di effettuare la ricarica della prepagata tramite lo sportello scegliendo magari delle filiali della banca non particolarmente affollate o effettuando la ricarica in un orario in cui non ci sono molti clienti.

Solitamente, la ricarica della prepagata tramite versamento di contanti allo sportello oppure all’ATM abilitato a tale funzione non comporta costi di commissione per il cliente. Si tratta di una soluzione molto rapida (soprattutto se il punto di ricarica è vicino casa) e molto conveniente sotto diversi punti di vista.

 

Punto di ricarica convenzionato

Per effettuare la ricarica di una carta prepagata Mastercard è, inoltre, possibile affidarsi ad un’altra tipologia di versamento in contanti. Le prepagate, infatti, possono essere ricaricate direttamente presso punti di ricarica specifici che vantano una convenzione con la propria banca.

La tipologia di punti di ricarica per le carte prepagate è molo variegata. Le opzioni più diffuse riguardano, principalmente, tabaccai e ricevitorie appartenenti a vari circuiti ma sono presenti anche diversi altri punti di ricarica da sfruttare. Le modalità di ricarica tramite versamento di contanti presso un punto convenzionato con la propria banca sono, di norma, molto semplici.

A seconda della carta prepagata da ricaricare, infatti, sarà necessario fornire un numero limitato di informazioni (il numero della carta, il nome della persona a cui è intestata) per completare tutto il procedimento. Di solito, la ricarica tramite punto convenzionato prevede un piccolo costo di commissione e tempi di accredito praticamente immediati.

Per questa tipologia di ricarica della carta prepagata è necessario valutare, caso per caso, le soluzioni offerte dalla propria banca e le varie convenzioni in essere tra l’istituto ed i circuiti che, di norma, offrono questo servizio. Se si preferisce questa soluzione per la ricarica di una carta prepagata è consigliabile informarsi presso il servizio clienti della banca che ha emesso la carta in merito a tutte le modalità disponibili ed i punti convenzionati.

Il versamento di contanti ad un punto di ricarica è, senza dubbio, una delle soluzioni più comode per effettuare la ricarica di una carta prepagata Mastercad. Naturalmente, bisogna sempre valutare la diffusione sul territorio di questi punti di ricarica, i costi dell’operazione e i tempi di completamento (si tratta di elementi che vanno analizzati caso per caso) prima di optare per questa strada per effettuare la ricarica.

Lotteria degli scontrini: come funziona

La lotteria degli scontrini è il nuovo strumento ideato dal Governo per contrastare uno dei principali problemi dell’Italia dal punto di vista economico: l’evasione fiscale. Dopo i rinvii degli anni precedenti, la legge si prepara a entrare finalmente in vigore: ma in cosa consiste nello specifico questa soluzione? Da quando sarà effettiva, quali effetti avrà sull’uso di bancomat e carte di credito e quali le principali conseguenze che comporterà a livello monetario.

Aumenti in busta paga 2020: dal bonus Befana al bonus 40 euro

Una delle principali novità delle quali si parla in questo momento a livello economico è il taglio del cuneo fiscale che avrà una prima conseguenza effettiva sui lavoratori dipendenti: questi ultimi dovrebbero ricevere infatti 500 euro in più in busta paga a partire dal 2020, il cosiddetto bonus 40. In arrivo a partire dal prossimo anno anche altri cambiamenti, quali il Bonus Befana, con i quali il Governo punta a combattere l’evasione fiscale, uno dei principali problemi del nostro Paese.

Tassa sul contante: come scegliere la carta di credito giusta

Una delle principali preoccupazioni del nuovo Governo ha a che fare con la manovra economica e con la ricerca di strade innovative e ottimali per contrastare l’aumento dell’IVA. Una delle proposte più recenti consiste nella tassa sul contante, che dovrebbe portare a considerare in modo molto più attivo e positivo le carte di credito. Quali sono i suggerimenti per individuare quella più giusta, riuscendo così a risparmiare sulle tasse? Di seguito una panoramica sulle migliori carte di credito disponibili attualmente sul mercato.